Tagged: filosofia

Cultura 0

Per il Cinico la felicità appartiene a colui che rifiuta ostentazione e onori, oltre a certe comodità di uso più estetico che sostanziale, facendosi bastare il minimo indispensabile per il vivere dignitoso. Da questo alcuni interpretano erroneamente il “Cinismo e il Cinico” con un significato di atteggiamento sprezzante verso ogni principio e valore politico, morale ed etico, nella realtà il Cinico e sostanzialmente una persona critica verso il superfluo materiale e ostantazioni ideologiche di circostanza o prive di supporto conoscitivo radicato

More
Cultura 0

Il tema delle ambigue relazioni e degli sguardi incrociati tra oriente e occidente è antichissimo…
…Per quanto nella storia del pensiero politico questa contrapposizione (libertà/dispotismo, progresso/stazionarietà) sia il Leit-motiv dei ragionamenti e dello sguardo europeo sul cosiddetto oriente, è bene avvertire subito che essa non esaurisce tutti gli sguardi sull’oriente. Altri sguardi, più attenti agli aspetti morali e religiosi dell’esistenza, possono anzi essere in tutto o in parte simpatetici, fino ad assumere l’aspetto dell’ammirazione incondizionata, del fascino acritico di quanto pare soddisfare un’esigenza di pace interiore negata…

More
Cultura 0

“L’infinità del reale e la conoscenza
Ogni conoscenza concettuale della infinita realtà da parte dello spirito umano finito poggia, sul tacito presupposto che soltanto una parte finita di essa debba formare l’oggetto della considerazione scientifica, e perciò risulterà essenziale nel senso di essere degna di venir conosciuta”

More
Cultura 0

La culla della lenta riscoperta pagana fu il nord Europa, con una certa concentrazione in Inghilterra. Quest’epoca fu contrassegnata dalla comparsa di molte organizzazioni di carattere occultistico, che non si proponevano come vere e proprie nuove religioni ma piuttosto come congreghe di iniziati. A questi gruppi contribuirono personaggi come William Butler Yeats, Maud Gonne, Arthur Edward Waite, e Aleister Crowley.

More
Sociale 0

Eliphas Lévi Constant nacque a Parigi nel quartiere di Saint-Germain-des-Prés, l’ 8 febbraio 1810 muore a Parigi il 31 maggio 1875 -figlio del calzolaio Jean-Joseph Constant e di Jeanne-Agnès Da…More

Politica 0

Croce, con l’avvento del fascismo assunse un atteggiamento di prudente e moderato consenso, che si mutò in esplicita opposizione in occasione del delitto Matteotti, in seguito al quale Croce si allontanò dalla vita politica attiva. Il regime fascista gli consentì di svolgere liberamente il proprio lavoro intellettuale solo indirettamente politico, tollerandone la fronda, in quanto Croce era espressione di piccole élites liberali lontane dalle masse e anche perché era troppo noto in tutta Europa

More
Cultura 0

…Chi può essere concretamente in grado di dire che si può stabilire a priori il criterio per distinguere le leggi buone da quelle cattive? Si può forse dire che le leggi migliori non sono quelle decise dalla maggioranza, ma quelle conformi alla legge generale dell’universo il “logos”? Chi potrebbe stabilire con sicurezza il criterio di conformità se non il logos stesso? E quando si potrebbe sostenere con certezza che in virtù di questo principio i molti possono anche avere torto rispetto all’uno?…

More
1 2 3 6