La noblesse-cosa significa essere nobili.

0

1-La noblesse et son encadrement actuel et futur.

2-Domande frequenti sulla nobiltà- Cosa significa essere nobili?

1-La noblesse et son encadrement actuel et futur.

emblema

 

DÉFINITION:
La Noblesse est née par le service de la chose publique – la res publica . La notion de service est constitutive de la Noblesse. Aujourd’hui, quoiqu’elle ait perdu sa position dirigeante , la Noblesse continue souvent ‘  à rendre service ‘  et témoigne de la survie, au sein de la société matérialiste où nous vivons, d’ un ensemble de valeurs qui appartiennent au patrimoine de la culture européenne :

-dans l’ordre des qualités morales : courage, générosité, dignité, respect de la parole donnée …
-dans l’ordre des comportements : autorité naturelle, distinction, politesse…
-dans l’ordre des sentiments : élégance , beauté, sens de l’honneur …
-dans l’ordre familial : respect de la tradition familiale, de l’héritage familial, de l’engagement familial et respect du nom. Ce qui caractérise la Noblesse c’est l’hérédité.

.CONCEPT:
La noblesse est née et s’est affirmée grâce à cette notion de “service”, au sens le plus beau du terme. Aujourd’hui, quoiqu’elle ait perdu sa position dirigeante, la noblesse continuera de “rendre service”, et – consciente des fautes et des abus commis par certains de ses membres dans le passé – à porter, avec d’autres, témoignage de la survie, au sein de la société matérialiste qui est la nôtre, d’un ensemble de valeurs prestigieuses qui appartiennent au patrimoine de la culture européenne toute entière, indépendantes du trafic d’influences et de l’argent.
Parmi tous ces concepts qui sont à la base de la continuité de toute une société, et pas seulement de celle de la noblesse, celui de la tradition est le plus important, pour la survie des civilisations quelles qu’elles soient. La tradition fait partie incontournable de la continuité pacifique des peuples. Cette continuité se présente sous les formes les plus diverses, de pays à pays, de continent à continent, de latitude à latitude, mais toujours avec la même identification à une mentalité, et, plus qu’une langue, elle est un langage commun et le véhicule de la transmission des sentiments et d’émotions de et vers cette même communauté. Et c’est la noblesse, il y a des siècles comme aujourd’hui, qui demeure attachée à servir cette tradition, la transmettre et la vivre. La tradition se vit aussi bien en revivant un événement historique qu’en utilisant un langage cybernétique au service d’une organisation robotisée à cette époque post-moderne. La tradition vivante transmet une civilisation.
Bref, les aristocraties ont toujours été, quelques soient les pays ou les époques, le symbole avancé de leurs civilisations.

nobiltàRÔLE ACTUEL:
De nos jours, le rôle qui revient au “Noble” est celui de l’Homme voué à la chose publique, désirant affirmer sa vitalité par le biais des hauts services rendus à un idéal supérieur à lui et fortement lié à la tradition.
(Ou : “De nos jours les nobles se doivent de porter un témoignage de dévouement à la chose publique, dans le droit fil de l’héritage ancestral, en dépassant l’objectif d’un profit immédiat et par un comportement emprunt de simplicité, de modestie de respect des autres”)
« La tradition – pour citer une déclaration fameuse – est quelque chose de très différent d’un simple attachement à un passé disparu: elle est justement le contraire d’une réaction que se méfie de tout progrès salutaire ». Etymologiquement, le mot lui-même est synonyme de chemin et de marche en avant – synonymie et non pas identité. En effet, alors que le progrès indique seulement le fait d’avancer, pas à pas, cherchant avec le regard un certain avenir, la tradition indique également un chemin vers l’avant, mais un chemin continu, qui se développe, en un accord tranquille et vigoureux avec les lois de la vie…Non, il ne s’agit pas de ramer contre le courant, de retourner vers des formes de vie et d’action d’époques déjà lointaines, mais bien d’avancer, en prenant et suivant ce que le passé a de meilleur, à la rencontre de l’avenir, avec la vigueur immuable de la jeunesse ».

ORGANISATION:
Dans chaque pays européen, la noblesse s’organise autour des Associations de Noblesse nationales dont le rôle et l’importance diffère de pays à pays. Toutes ont cependant en commun l’entraide, le maintien de la cohésion du groupe social que représente la noblesse, la préservation et la transmission aux jeunes générations des traditions et souvenirs de famille. Certaines, dans les pays où la noblesse n’a pas de statut

légal, veillent à l’authenticité et à la légitimité des prétentions nobiliaires de ceux qui se proclament nobles et dans certains cas des titres.
Les Associations nationales sont liées à un organisme central nommé C.I.L.A.N.E. – Commission d’Information et de Liaison des Associations Nobles d’Europe-, qui siège à Paris. Cette Commission est dirigée par un Coordinateur élu par les Associations nationales. La C.I.L.A.N.E. réunit deux fois par an et réalise, périodiquement (de 3 en 3 ans), un Congrès.

2-Domande frequenti sulla nobiltà- Cosa significa essere nobili?

cavaliere Vuol dire prima di tutto appartenere ad una famiglia che fa parte di quel ceto che in passato costituiva la maggior parte o la totalità della classe dirigente, e che ha contribuito a fare la storia del paese.

Ciò che non significa che al giorno d’oggi non vi siano più dei nobili nella classe dirigente, ma semplicemente che il fatto in sè di appartenere all’aristocrazia non dà più alcun potere politico.

Significa poi crescere e testimoniare i valori della propria classe sociale, ossia l’onore a Dio, il rispetto per la Patria, l’attenzione al buon nome della propria famiglia, il servizio alla comunità, il rispetto per quanti lavorano ecc.

Quali sono i privilegi dei nobili?

Dalla Rivoluzione Francese i nobili non hanno più alcun privilegio politico, né economico. Studiano e si guadagnano da vivere lavorando come tutte le altre persone.

Come si diventa nobili?

In passato chi non era nobile di nascita poteva acquisire la nobiltà o per concessione del Sovrano, con un suo provvedimento cosiddetto “di grazia”, o esercitando determinate cariche che -sempre per volere del Principe- conferivano la nobiltà personale o trasmissibile.

Esistevano poi altri e diversi modi di acquisto, che variavano a seconda dello stato: nella penisola iberica -per esempio- esisteva la hidalguia cosi detta “di braghetta”, che veniva concessa a chi procreava sei figli maschi viventi.

Oggi in alcuni paesi -come Inghilterra, Belgio e Spagna- il Sovrano esercita ancora le proprie prerogative e concede nobiltà e titoli; in altri paesi invece, anche in quelli che riconoscono ancora legalmente la nobiltà, non vengono fatte nuove concessioni, come nei Paesi Bassi e nelle monarchie scandinave.

Chi riconosce i titoli nobiliari?

Dipende dai vari paesi. Generalmente nei paesi retti da una monarchia esiste un organo dello stato, dipendente spesso dalla Presidenza del Consiglio o da un Ministero, competente per il riconoscimento. Altri ordinamenti possono ugualmente prevedere forme di tutela dei titoli nobiliari e degli stemmi. In altri, ed è proprio il caso dell’Italia, i titoli sono semplicemente ignorati dallo stato, che non li tutela in alcun modo: in casi simili è fondamentale il ruolo (riconosciuto dalla stessa aristocrazia) svolto dalle Associazioni Nobiliari che -con il rigoroso esame delle domande di associazione- assicurano una forma di protezione (seppur privata) dei diritti nobiliari.

E’ possibile oggi comprare un titolo?

Assolutamente no. I titoli che risultano da una negoziazione di questo tipo non saranno riconosciuti né dalle autorità competenti del proprio paese -se esistenti- né dalla locale associazione della nobiltà.

E’ possibile acquisire un titolo nobiliare acquistando una baronia in Francia o in Gran Bretagna?

Effettivamente vi sono delle organizzazioni che propongono l’acquisto anche di minuscoli “fazzoletti” di terreno situati all’estero, assicurando che in tal modo sarebbe possibile acquistare un titolo nobiliare: storicamente -secondo quando dimostrato in varie occasioni principalmente sul forum rec.heraldry- non esistevano titoli legati alla terra.

Una possibilita di conferimento (fine a se stesso) è dato dalle Chiese o meglio dai Patriarchi per particolari meriti sia ecclesiali sia sociali, cosi come conferimenti di cavaglierati, cruz meriti o lauree honoris causa    ( ma non riconosciuti dallo Stato )

Ai tempi poi del Regno d’Italia le norme di diritto nobiliare specificavano a chiare lettere come l’acquisto di un ex-feudo non attribuisca alcun diritto nobiliare, e tale era l’orientamento degli stati pre-unitari in cui vi era una legislazione in materia. A volte sui giornali si legge di nobili che cedono il loro titolo tramite l’adozione, è un metodo valido?

In linea di massima no, poiché i diritti nobiliari -essendo un’emanazione della potestà sovrana- sono indisponibili. Si conoscono invece alcuni casi di nobili tedeschi che hanno adottato (dietro compenso) delle persone per far loro ottenere il proprio cognome a cui oggi è aggiunto anche il titolo nobiliare: non vi è dubbio però che in tal modo si acquisti solo un cognome e non un diritto nobiliare.

Si sente spesso parlare di Capi di antiche dinastie spodestate che concedono titoli ed onori, sono validi?

 L’argomento è complicato e -come sempre- è opportuno agire con la massima prudenza onde evitare truffe e raggiri che, purtroppo, sono molto frequenti. Bisogna innanzitutto essere certi che il concedente discenda realmente e per via legittima da una persona che abbia effettivamente regnato su di un territorio ed abbia esercitato il diritto di concedere onori, ed in quali forme; si deve poi guardare alle cause che hanno determinato il venir meno di tale regno; infine è opportuno accertarsi del livello tenuto dai discendenti del sovrano spodestato, onde essere sicuri che non siano “decaduti”.

Così -per esempio- chi vanta discendenze dagli Imperatori Bizantini non dovrebbe avere alcun valido diritto, dal momento che i Troni romani di Oriente erano elettivi e non si trasmettevano di padre in figlio.

In linea di massima è significativa la presenza della famiglia nell’Almanacco del Gotha.

Mi chiamo Mario Rossi, quali sono lo stemma ed i titoli dei Rossi? In una bancarella ad una fiera hanno detto di aver trovato il mio stemma di famiglia, posso essere sicuro che sia proprio il mio?

Lo stemma ed eventualmente i titoli nobiliari non sono legati ad un generico cognome ma ad un determinato gruppo famigliare: per esempio, esistono nel nostro paese tantissime famiglie Savoia che non hanno nulla a che vedere con la Real Casa d’Italia.

I titoli e gli stemmi o sono personali o si trasmettono da padre in figlio, a seconda di quanto previsto dal provvedimento di concessione.

Tutti quelli che hanno uno stemma sono nobili?

No, anzi, in alcuni paesi come la Germania o i Paesi Bassi gli stemmi dei nobili sono una minoranza. Lo stemma può essere considerato, per dirla con il Conte Giuseppe Della Torre, come un “cognome illustrato”: chiunque può dunque far uso di uno stemma senza bisogno di essere nobile.

Nel medioevo quasi tutte le famiglie di ceto borghese portavano uno stemma, come pure le corporazioni di arti e mestieri, i Comuni e cosivvia; solamente alcuni ornamenti esteriori (elmi, corone, cimieri) permettevano di riconoscere gli stemmi nobili da quelli borghesi.

L’equivalenza stemma=nobiltà è dovuta al fatto che in Francia sotto il Regno di Luigi XIV e di Luigi XVI fu decretato che solo gli aristocratici potessero fare uso di stemmi, ed è per questo che gli stemmi furono i primi simboli dell’Ancien Régime ad essere distrutti dai sanculotti.

Allora anche io posso inventarmi uno stemma?

Volendo sì, a patto di non usurpare quello legittimamente utilizzato da altre famiglie (magari omonime) e facendo attenzione a non utilizzare elementi interni ed esterni non appropriati per il loro significato araldico o storico (corone, mantelli, capo dell’Impero ecc.).

 

Post-g.m.s.

Avatar

G.M.S. conosciuto dagli amici come Gianca-ex incursore di Marina, laureato in scienze politiche. Ha viaggiato molto in Africa francofona, Medio Oriente e Sud America, oggi in pensione, si occupa di tematiche escatologiche e sociali ma conserva l’amore per i viaggi e nuove conoscenze.

Rispondi

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: