el gaucho Martín Fierro……

0

Il poema narra la vita del gaucho Martín Fierro, esaltandone il carattere indipendente, fiero e disposto al sacrificio.

Il tema del poema è concepito in polemica contro le tendenze moderniste della letteratura europea sostenute dal presidente argentino Domingo Faustino Sarmiento. Leopoldo Lugones, nella sua serie di conferenze pubblicate col titolo El payador, sostenne che questo poema doveva essere «Il libro nazionale degli argentini», riconoscendo alla figura del gaucho la qualità di genuino rappresentante del paese, emblema nazionalistico dell’argentinità.

Per Ricardo Rojas il Martín Fierro rappresentava il classico della letteratura argentina per eccellenza. Il gaucho non era più considerato un fuorilegge, ma un eroe nazionale. Leopoldo Marechal, in un saggio intitolato Simbolismos del Martín Fierro (I simbolismi del Martín Fierro) volle interpretarlo in chiave allegorica, mentre José María Rosa vi vedeva un’interpretazione della storia argentina. L’opera di Hernández è apparsa in più di cento edizioni in Argentina e, all’estero, è stata tradotta in più di settanta lingue, persino in piemontese ed in quechua.

Nella prima parte del Martín Fierro, il protagonista, un gaucho, è arruolato per difendere un fortino posto alla frontiera con i territori degli indios. La sua vita di povertà nella Pampa è descritta con slanci romantici, tipici della letteratura dell’epoca, mentre gli episodi guerreschi sono descritti con maggior realismo. Successivamente Fierro diventa un fuggitivo perseguitato dalla polizia.

Mentre si scontra con i gendarmi trova un alleato nel sergente Cruz che, impressionato dal coraggio di Fierro, si unisce a lui nella lotta. Entrambi decidono di andare a vivere fra gli indios per sottrarsi alla legge e sperando di vivere una vita migliore.

Con questa decisione che mostra come sia preferibile la vita con dei primitivi piuttosto che la civilizzazione di tipo europeo, terminava la prima parte del poema, pubblicata nel 1872.

Nella continuazione, pubblicata vari anni dopo, nel 1879, c’è un cambiamento di poetica, dovuto a una successiva maturazione dell’autore. Martín Fierro cambia e si adatta alla vita civilizzata che prima aveva disprezzato.

Da sempre si specula sull’effettiva esistenza di Martín Fierro come figura storica nel luogo e nel tempo in cui Hernández ambientò il suo poema. Alcuni fanno risalire la storia di Hernández a un gaucho ribelle con questo nome (abbastanza comune in Argentina) che visse nella zona del Tuyú chiamata Lobería Grande e attualmente Mar del Plata.

La famiglia di Hernández aveva dei possedimenti in questa zona e l’autore vi passò gran parte dell’infanzia e della giovinezza. La maggioranza dei critici tuttavia ritengono che la figura di Martín Fierro sia stata immaginata da Hernández con valore paradigmatico e ideale per incarnare il tipico gaucho della fine dell’Ottocento.

Il personaggio di un altro poema “gauchesco”, il gaucho Don Segundo Sombra, è realmente esistito, ma nell’opera la sua figura è comunque romanzata.

In ogni caso è storicamente documentato che vicino a Mar del Plata, nelle zone di macchia presso la costa, si rifugiarono spesso gaucho ribelli, specialmente dopo la battaglia di Caseros e al tempo della Guerra della Triplice Alleanza.

elab-gms

Avatar

G.M.S. conosciuto dagli amici come Gianca-ex incursore di Marina, laureato in scienze politiche. Ha viaggiato molto in Africa francofona, Medio Oriente e Sud America, oggi in pensione, si occupa di tematiche escatologiche e sociali ma conserva l’amore per i viaggi e nuove conoscenze.

Rispondi

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: