Africa e USA possibili accordi per un business socialmente responsabile

0

imagesVista la presenza massiccia della Cina che in investimenti ha superato gli Stati Uniti, e vista la necessità di Obama di riprendere un ruolo nel continente africano che vada al di là delle basi militari  per i droni da utilizzare contro il terrorismo, questo vertice potrebbe rappresentare una svolta sia per gli stati Uniti che per l’Africa. Sostenere il percorso di sviluppo del continente e dei sui 54 paesi, potrebbe essere conveniente ad entrambi. Certo è che sul continente africano le grandi potenze mondiali stanno puntando per il loro futuro.Ma sarà anche il futuro dell’Africa e degli africani?

Qui sotto riportiamo l’articolo di Joseph Stiglitz, già capo economista della Banca Mondiale, attualmente professore alla Columbia University e  molto conosciuto anche in ambito del non profit.

Un contributo importante e stimolante perché la crescita e lo sviluppo dell’Africa passa necessariamente anche attraverso l’affermarsi di una piccola e media impresa che sappia cogliere le opportunità derivanti dall’innovazione tecnologica e dalla valorizzazione delle risorse locali che nel continente non mancano.
Una nuova strategia americana per il business in Africa di Joseph Stigliytz per il FinancialTimes

Il continente africano, con i suoi 54 paesi, vanta molte storie di successo e 9 dei 20 paesi a più  rapida crescita degli ultimi due decenni sono africani. La povertà è in calo mentre l’istruzione e la salute stanno migliorando. Eppure, i titoli dei media riservati all’Africa sono rivolti ai problemi del terrorismo, ai focolai di violenza e,  da ultimo,  all’Ebola

Al contrario, anche in relazione vertice Usa-Africa, la grande questione strategica degli Stati Uniti in Africa è quella di trovare il giusto equilibrio tra la costruzione di nuove basi di droni per combattere il terrorismo e il rafforzamento delle relazioni commerciali, che potrebbero essere  vantaggioso per entrambi , lo sviluppo economico e sociale. Se l’ enfasi militarista degli Stati Uniti può essere comprensibile, la sua politica estera in Africa dovrebbe spostarsi  in modo significativo e  a  supporto del commercio, della finanza, e della cooperazione culturale.

La politica degli Stati Uniti deve essere la più variegata possibile nei confronti dell’Africa. Molti paesi africani hanno messo in atto buone politiche macroeconomiche e dato risposte positive  alla  governance, ma gli investimenti stentano ad arrivare. Di conseguenza, anche i paesi che hanno introdotto riforme e hanno raggiunto una crescita elevata non hanno generato abbastanza occupazione nel settore formale per assorbire la crescita della forza lavoro.

Le esportazioni di minerali hanno generato importanti entrate fiscali, ma non posti di lavoro, soprattutto per i giovani frustrati nelle aree urbane. Compagnie minerarie e  petrolifere hanno investito in Africa, ma hanno anche e soprattutto badato allo sfruttamento per il proprio tornaconto.  La tradizione coloniale di prendere le risorse di un paese, senza pensare come potrebbero essere utilizzati per svilupparlo  persiste.

5804Anche ora, le compagnie petrolifere statunitensi resistono  alle richieste di trasparenza, e utilizzano i tribunali americani per ostacolare gli sforzi per migliorare questo aspetto.
Gli Stati Uniti dovrebbero incoraggiare gli investimenti esteri diretti per la  produzione leggera e agro-industrie di trasformazione ad alta intensità di lavoro, dove potrebbe essere utilizzato il grande bacino africano di manodopera non qualificata. Per ottenere il massimo da risorse limitate, potrebbe lanciare programmi e sistemi di finanziamento per condividere il rischio con gli investitori di tutto il mondo.

L’African Growth and Opportunity Act (AGOA) ha offerto fin dal 1991, incentivi ai  paesi africani per farli proseguire sul terreno delle riforme e aprire le loro economie. Ora però è necessario  affrontare le sfide per lo sviluppo di  piccole e medie imprese. Il presidente Obama dovrebbe farne una priorità per rinnovare AGOA ben oltre il 2015, in modo da garantire un quadro  di prevedibilità per i produttori, compratori e investitori sia negli Stati Uniti e in Africa. Gli Stati Uniti dovrebbero anche lavorare per rendere  più efficace, per esempio, le norme datate,  offrendo incentivi fiscali alle imprese statunitensi per  investire in settori non petroliferi.

Rinnovare la legislazione AGOA in questo modo servirebbe a facilitare l’integrazione delle PMI africani nelle catene globali del valore. Gli Stati Uniti potrebbero anche sostenere programmi che comprendono servizi di consulenza, informazioni,  marketing, accesso a tecnologie e  formazione,  e l’accesso alle attrezzature e logistica.

Nell’istruzione e nella ricerca, un programma Fulbright notevolmente ampliato sarebbe vantaggioso per entrambe americani e africani;  inoltre progetti di ricerca congiunti con alcuni  dipartimenti governativi degli Stati Uniti potrebbero promuovere la salute, la scienza e l’agricoltura, e aiutare l’Africa a prepararsi ad affrontare anche le questioni collegate al  riscaldamento globale.  La cooperazione degli Stati Uniti produrrebbe alti pay-off e una migliore utilizzazione del potenziale enorme del continente: idro, solare e altre fonti rinnovabili.

Gli  Stati Uniti potrebbero poi, attraverso la farmaceutica,  garantire all’Africa l’ accesso sia ai farmaci salvavita che alle conoscenze necessarie per la loro messa in opera. E ‘ironico che gli Stati Uniti, di solito il più forte sostenitore dei diritti di proprietà intellettuale, non ha ratificato la Convenzione sulla diversità biologica, sotto la pressione di aziende farmaceutiche che temono una protezione “eccessiva” associata all’uso di prodotti derivanti da materiale genetico di piante o animali dei paesi in via di sviluppo.

Nel perseguire questi obiettivi, gli Stati Uniti dovrebbero collaborare strettamente con le istituzioni finanziarie internazionali. La Banca Mondiale che ha un patrimonio di competenze in Africa e molte idee sono state proposte da Célestin Monga, uno dei pensatori più innovativi. Mentre le istituzioni finanziarie internazionali sono state  giustamente criticate per le politiche di aggiustamento strutturale del passato, ora stanno prendendo nuove direzioni. 

Harvesting-tea-Uganda-w615Anche negli attuali e deludenti ambienti aziendali di molti paesi africani, è possibile realizzare buoni progetti con la realizzazione di in parchi industriali ben progettati per affrontare le carenze infrastrutturali e per accendere l’industrializzazione. In queste isole di eccellenza, industrie competitive potrebbero essere sviluppate in settori come l’agro-alimentare, la produzione di energia elettrica, turistico, e servono come punti di ingresso per gli altri.

Vertice USA con i leader africani offre un’opportunità unica per forgiare una nuova partnership per sfruttare i punti di forza dell’America a vantaggio di entrambi gli Stati Uniti e l’Africa.

Timeforafrica-gms

Avatar

G.M.S. conosciuto dagli amici come Gianca-ex incursore di Marina, laureato in scienze politiche. Ha viaggiato molto in Africa francofona, Medio Oriente e Sud America, oggi in pensione, si occupa di tematiche escatologiche e sociali ma conserva l’amore per i viaggi e nuove conoscenze.

Rispondi

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: