Curiosità…pensiero.

0

La curiosità nell’uomo è un comportamento, una attitudine, un istinto, di natura abituale o episodica, caratteristico nell’uomo, atto a soddisfare un desiderio inquisitivo circa la natura di un fenomeno, fisico,geologico, chimoco, astronomico ecc. nel mondo scientifico,nel quotidiano o meglio nelle persone comuni diviene l’attitudine per sondare l’opinione di un altro soggetto umano.

È un aspetto emozionale che, riguardando l’esplorazione, l’investigazione e descrive un numero non ben conosciuto e identificato di meccanismi e comportamenti psicologici che hanno come fine il placare un impulso per il controllo degli esseri viventi e trarre informazioni o a interagire con l’ambiente.

Il curioso di norma è un soggetto instabile e non cosciente dei propri limiti sociali o culturali, per cui si avvale della curiosità per attestare un proprio dominio e  o manifestare una personalità di ruolo che spessso non gli è propria,

Vi sono alcune forme di curiosità la prima e quella rivolta agli studi alla scoperta di nuovi orizonti tecno-scentifici o commerciali-finanziari, ed è positivismo.

La secconda che è negazione e quella espressa da un individuo che cosciente o incoscente della propria limitatezza cerca di apparire con un ruolo o uno status sociale, di imporsi ad altri per dare senso alla propria personalità, spesso permeata da assurde ambizioni, al punto che la sua curiosità lo porta spesso a divenire un molestatore, se pur con toni garbati.

Questo è un aspetto peggiorativo nell’uomo in quanto lo porta ad essere insincero e non solo ma anche a proietarsi in impossibili orizzonti o proiezioni di un futuro alla quale protende quale miserimo sognatore, per cui rimane solo prigioniero di se stesso con la sua sterile ambizione.

Ma quel che è peggiorativo che dimostra sottilmente o peggio subdolamente di sapere, conoscere e quindi ostentare sapienza, che per lo più viene finalizzata a poter tradire le aspettative di chi gli ha dato fiducia ho ha creduto in lui.

Vari sono questi soggetti che fanno del sogno una possibile realtà, interpellando “curiosamente” o peggio insinuandosi nella altrui vita con caparbietà inusitata e ineducata, milantando d’ essere.

Chi si riflette nella “luce” di un altro, denota un miserevole attegiamento fallimentare che prima o poi conduce ad un amaro risveglio.

Lasci per tanto tale individuo la presunzione la bramosia della curiosità e compia un atto, si sforzi e dia senso alla sua appartenenza sociale al suo entourage che lo potra sempre nobilitare, nel giusto momento in cui dimostrerà saggessa nel riconoscere il suo essere uomo comune tra comuni persone.

 

gms-

G.M.S.

G.M.S. conosciuto dagli amici come Gianca-ex incursore di Marina, laureato in scienze politiche. Ha viaggiato molto in Africa francofona, Medio Oriente e Sud America, oggi in pensione, si occupa di tematiche escatologiche e sociali ma conserva l’amore per i viaggi e nuove conoscenze.

Rispondi

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: