I Sumeri-Uruk e Babilonia.(video)

0

 

      Breve spaccato storico-I sumeri – Uruk e Babilonia

 

Intorno al 3000 a.C. si assiste ad una migrazione del popolo sumero, proveniente dalla regione montuosa che comprende gli attuali Iran ed India, verso la regione meridionale mesopotamica ove  fondarono la città sacra di Uruk, che prese il posto della precedente città di Eridu. Si assiste dunque ad una fase in cui si passa da una tradizione nomade ad una stanziale con la fondazione di centri urbani che non sono difesi da mura.
Nel periodo che va dal 3000 al 2600 a.C. circa  la città di Uruk diviene la più importante città dell’area  dominando la scena politica sulle altre città principato di Ur, Lagash, Nippur, Kish, Larsa, Umma, Isin
Il sito di Uruk fu occupato per almeno 5.000 anni, dal tardo periodo di Ubaid (4000 a.C.) fino all’inizio del III secolo a.C. Alla fine del IV millennio a.C. era uno dei più grandi insediamenti urbani della Mesopotamia..
Uruk fu fondata pare de re Enmerkar  che la fece cingere di mura oltre innalzare il celebre tempio alla dea Inanna (Isthar) e centro di culto al dio Anu  adorato in tutta la regione come essenza della creazione
Uruk, agli inizi del III millennio a.C. con la terza dinastia, estese la sua egemonia su tutta la regione di Babilonia integrando le popolazioni caldee, divenne un grande e uno dei maggiori centri religiosi del regno.
Il declino di Uruk
Attorno al 2100 a.C., il prestigio e il potere di Uruk iniziano a declinare. Pur conservando un ruolo primario nelle lotte dei Babilonesi contro gli Elamiti fino al 2004 a.C., anno in cui fu conquistata e gravemente danneggiata;
La città continuò ad esistere sino all’epoca seleucide, nel IIIII secolo a.C., periodo nel quale la città trovò nuovo splendore, ma fu definitivamente abbandonata a partire dal V secolo d.C. mentre diveniva centro vitale e capitale del un nuovo regno di Babilonia
Babilonia letteralmente (porta di Dio) nel 1700 a.C. l’impero babilonese raggiunse il massimo del suo splendore con il re Hammurabi. Questi espanse enormemente il suo dominio su tutta la bassa Mesopotamia e fece di Babilonia il centro di una rete di alleanze con tutte le città più importanti della regione. Il re distrusse inoltre la città di Mari, situata sull’Eufrate, nella Mesopotamia centrale, costruita da popolazioni semite provenienti dal deserto arabico.
La situazione mutò quando il re ittita Mursili I invase la regione, causando il crollo dell’impero, che passò sotto la dominazione cassita (XVIIIXII secolo a.C.)La dinastia cassita venne però abbattuta dagli Elamiti, che con Nabucodonosor I instaurò la seconda dinastia di Isin. Ma l’indipendenza babilonese fu di breve durata e poco dopo cadde sotto l’influenza dell’impero assiro.
I babilonesi si ribellarono contro il dominio assiro del re Mushezib Marduk e ancora durante il regno di Shamash ukin ma Babilonia assediata fu conquistata dal re assiro Sennacherib e successivamente  da Assurbanipal.
Durante il regno di Sennacherib,Babilonia rimase in costante stato di rivolta, che ebbe fine solo con la completa distruzione della capitale. Nel 689 a.C. le sue mura, templi e palazzi furono rasi al suolo e le macerie gettate nel fiume Arakhtu, canale che delimitava a sud la prima città di Babilonia.
Tale atto impressionò la coscienza religiosa della Mesopotamia; il susseguente assassinio di Sennacherib, fu considerato un’espiazione di quanto era successo, il suo successore Assarhaddon si premurò di ricostruire la città vecchia, ricevendo lì la sua corona, la rese sua residenza privilegiata.
Alla sua morte Babilonia fu lasciata dal suo primogenito Shamash shum ukin, che alla fine guidò una rivolta contro suo fratello Assurbanipal di Assiria.
Una volta ancora Babilonia fu assediata dagli Assiri e costretta alla resa. Assurbanipal purificò la città e celebrò un servizio religioso, di riconciliazione, Nel successivo rovesciamento dell’Impero assiro i Babilonesi videro un altro esempio della vendetta divina.
Alla caduta di Ninive (612 a.C.) antica capitale dell’Assiria, distrutta da Medi e assiro- caldei, che posero così fine al grande regno assiro. Babilonia si liberò dal giogo assiro e divenendo la capitale del nascente Impero babilonese. Nel 605 a.C.
Col recupero dell’indipendenza Babilonia sotto Re Nabopolàssar  inaugurò una nuova epoca di attività architettoniche fu suo figlio Nabucodonosor II che rese Babilonia una delle meraviglie del mondo antico.
I celebri i giardini pensili fatti costruire intorno al 590 a.C. dal re  (anche se la tradizione attribuisce la loro costruzione alla regina assira Semiramide).
Il declino di Babilonia
Verso il 550 a.C. Ciro II succedette a suo padre Cambise I, liberò i Persiani dal dominio dei Medi e fu l’erede naturale delle grandi monarchie mediorientali
si allea con Nabonedo (556/55539 a.C.) l’ultimo re caldeo Babilonese. ed insieme prendono la Media. I babilonesi occupano l’Assiria ed i persiani il resto del regno.
Successivamente Ciro II invade la Lidia ed insegue il re Creso fino a Sardi, conquistando l’intero regno. In questo modo Ciro II impedisce a Nabonedo di mettere in pratica l’alleanza e comincia a circondare Babilonia. Il re babilonese capito il pericolo persiano.abbandona Babilonia e si reca in Arabia,in cerca di nuove alleanze sia militari che commerciali, per riportare ricchezza al proprio paese.
Ma nel  frattempo Ciro II trama con i religiosi babilonesi. E fa in modo che  Nabonedo  appaia come un traditore, Il frutto di questa  propaganda produsse la cacciata di Nabonedo e l’acclamazione di Ciro II a nuovo re.
la Persia si era cosi impossessata di Babilonia senza combattere.
Come discorso di insediamento il re persiano si proclamò “nuovo figlio del dio Marduk  una divinità della mitologia , introdotta con l’avvento di  Hammurabi sesto re di Babilonia 17921750 a.C. “,
richiamandosi alla propaganda da lui attuata segretamente. Restituì la libertà agli ebrei con un editto che consentiva agli stessi di fare ritorno alla loro patria e di porre fine alla cattività babilonese. L’impero persiano divenne vasto e ricco.
I persiani rispettarono la bellezza di Babilonia, facendole vivere un secondo splendore con Cambise II e Dario I
Ma nonostante il benessere raggiunto va rilevato che durante il regno di questi sovrani vi furono diverse rivolte a Babilonia i cui capi prendevano il nome di Nabucodonosor, a ricordo del mito trasmesso dal leggendario re al suo popolo.Queste rivolte furono sedate, senza violente ripercussioni per la città.
Nel 331 a.C.Alessandro Magno entra da conquistatore in Babilonia, ne rimane affascinato e la proclama capitale del suo impero. Vengono eseguiti lavori di ammodernamento. Alessandro vi morirà nel 323 a.C.
Babilonia fu la città di tre grandi re Nabucodonosor, Ciro ed Alessandro.
I generali di Allessandro che governarono la città, continuarono a dare splendore a Babilonia, fino all’avvento di Seleuco prima ed Antioco poi che fecero costruire una nuova città,  Seleucia. Nel 275 a.C. emanando un editto in base al quale tutti i babilonesi dovevano lasciare la città e recarsi nella nuova.
Ma la città continuò a vivere perché non fu abbandonata da tutti. alcuni capi e sacerdoti si impegnarono per fare opere di ricostruzione.
Verso il 100 a.C. la diadochia seleucide entra in guerra con i Parti, popolo situato ad oriente della Persia, la città fu definitivamente abbandonata.
Nel 116 d.C. Traiano si accampo con le sue truppe a Babilonia, ma ormai diventata un cumulo di macerie.
Le profezie bibliche realizzate
Dunque solo molti secoli dopo si realizzarono le profezie di Isaia, di Daniele e di Geremia sulla distruzione della città, che per secoli venne considerato il centro culturale e politico del mondo.
La distruzione morale fu poi continuata dai padri della chiesa, tra Origene e S.Agostino, che la rappresentarono come simbolo del male. Essi ripresero la tradizione iniziata nell’Apocalisse di San Giovanni.

gms

G.M.S.

G.M.S. conosciuto dagli amici come Gianca-ex incursore di Marina, laureato in scienze politiche. Ha viaggiato molto in Africa francofona, Medio Oriente e Sud America, oggi in pensione, si occupa di tematiche escatologiche e sociali ma conserva l’amore per i viaggi e nuove conoscenze.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: