Nazisti e massoneria

0

Massoneria sotto il regime nazista

49819Diapositiva Propaganda intitolato “ebraismo, massoneria e il bolscevismo”, con un serpente velenoso con zanne scoperte. Questo è servita come diapositiva titolo per la parte I di una serie di conferenze prodotta da “Der Reichsführer SS, der Chef des Rasse-und Siedlungshauptamtes” (il leader delle SS, il capo della razza e gli insediamenti Ufficio Principale), ca. 1936.

Quando i nazisti salirono al potere , politica nei confronti dei massoni era equivoca. Gli sforzi per eliminare il Massone non hanno ricevuto la massima priorità. Quelle logge che adottavano tolleranza e uguaglianza e avevano collegamenti internazionali o connessioni attraverso i loro capi ai socialdemocratici o liberal-democratici sono stati oggetto di persecuzioni e spesso pressioni in dissoluzione “volontaria”. A pochi logge tedesche conservatori che erano disposti ad accogliere se stessi al regime sono stati in grado di continuare una qualche forma di esistenza solo per un po ‘di più. Tuttavia, il regime intendeva escludere quelli che si rifiutavano di abbandonare le loro connessioni massoniche.

Nei primi mesi del 1934, il capo del Sistema Partito Nazista Corte ha stabilito che i massoni, che non ha lasciato loro logge prima del 30 gennaio 1933, non poteva aderire al partito nazista. Quello stesso mese, prussiano ministro degli Interni Hermann Goering ha emesso un decreto che invita le logge a “volontariamente” sciogliere, ma che richiedono tali azioni volontarie da sottoporre alla sua approvazione. Inoltre, logge e le loro filiali in varie città in tutta la Germania sono stati esposti alla violenza arbitraria da unità delle SS e SA locali, anche se questo terrore non sembra essere stato diretto centralmente.

L’aumento della pressione nei settori pubblici e professionali costretto gli individui a scegliere tra rimanere nelle loro logge o limitare le loro opportunità di carriera. Molti ex membri della loggia che ricoprono posizioni di servizio civile sono stati costretti o molestati in pensione. Nel mese di maggio 1934, il Ministero della Difesa ha vietato l’appartenenza a logge a tutto il personale-soldati e impiegati civili. Durante l’estate del 1934, dopo Heinrich Himmler e Reinhard Heydrich completato il loro acquisizione e centralizzazione della Gestapo, la polizia tedesca forzatamente chiuso molte logge massoniche e sedi distaccate di massoneria e confiscato i loro beni, comprese le loro biblioteche e archivi.

Il 28 ottobre 1934, Reich Ministro degli Interni Wilhelm Frick ha emesso un decreto che definisce le logge come “ostile allo stato” e quindi soggetta ad avere i loro beni confiscati. Infine, il 17 agosto 1935, citando l’autorità del Fuoco decreto del Reichstag, Frick ordinò tutte le logge e rami rimanenti sciolti ei loro beni confiscati.

Propaganda nazista continuò a collegare gli ebrei e massoni; Pubblicazione virulento di Julius Streicher Der Stuermer (The Trooper Assault) stampato più volte vignette e articoli che hanno tentato di ritrarre una cospirazione “giudaico-massonica”. Massoneria è diventato anche una particolare ossessione del capo della Polizia di sicurezza e SD, Reinhard Heydrich, che contava i massoni, insieme con gli ebrei e il clero politici, come i “nemici più implacabili della razza tedesca”. Nel 1935 Heydrich sostenuto per l’ necessario eliminare non solo le manifestazioni visibili di questi “nemici”, ma per sradicare da ogni tedesca “influenza indiretta dello spirito ebraico” – “un residuo infettiva ebreo, liberale e massonica che rimane nell’inconscio di molti, soprattutto tutto nel mondo accademico e intellettuale. “

Heydrich ha creato una sezione speciale del servizio di sicurezza delle SS (Sicherheitsdienst, SD), sezione II/111, per affrontare specificamente con la Massoneria. La SD era particolarmente interessato, come il suo personale credevano che la Massoneria ha esercitato il potere politico effettivo, a forma di opinione pubblica attraverso il controllo della stampa, ed era quindi in grado di provocare la guerra, la sovversione e la rivoluzione. Più tardi, Sezione VII B 1 del Main Office Sicurezza del Reich (Reichssicherheitshauptamt; RSHA), un amalgama di SD e la polizia di sicurezza formata nel 1939, ha assunto la sezione dedicata a indagare Massoneria.

Come la Germania nazista preparato per la guerra nel 1937-1938, il regime di pressione rilassato sulla truppa delle logge disciolti. Hitler amnistiato membri della truppa che ha rinunciato loro ex lealtà nel mese di aprile 1938, gli sforzi sono stati fatti nel settore pubblico a decidere sul mantenimento occupazionale degli ex membri della loggia su un caso per caso. Molti funzionari che erano stati costretti a ritirarsi a causa delle loro connessioni massonici sono stati richiamati in servizio dopo la guerra è iniziata e il divieto ex massoni in servizio nella Wehrmacht (esercito tedesco), anche al rango ufficiale, era rilassato. Il partito nazista ha continuato a vietare ex massoni di appartenenza, anche se le eccezioni sono state fatte dopo il 1938 sia partito nazista e anche la SS.

Come hanno conquistato l’Europa, i tedeschi forzatamente sciolto le organizzazioni massoniche e confiscati i loro beni e documenti ovunque essi stabilirono un regime di occupazione. Dopo un lodge è stato chiuso, è stato saccheggiato per le liste di appartenenza, importante biblioteca e articoli d’archivio, arredi e altri artefatti culturali. Gli articoli sequestrati saranno inviati all’agenzia tedesca del caso, in primo luogo la SD e più tardi, il RSHA.

Come parte della loro campagna di propaganda contro la Massoneria, i nazisti e le altre organizzazioni della destra locale montato mostre anti-massoniche in tutta l’Europa occupata. Occupata dai tedeschi di Parigi ha ospitato una mostra anti-massonica nell’ottobre del 1940, come ha fatto occupata dai tedeschi Bruxelles nel febbraio 1941. Visualizzazione rituale massonico e artefatti culturali rubati da logge, tali esposizioni destinate a ridicolizzare e odio diretto verso massoni e per aumentare i timori di un complotto ebraico-massonico. Propaganda di guerra tedesca, in particolare nell’esercito, carica che gli ebrei ei massoni avevano provocato la seconda guerra mondiale e sono stati responsabili per le politiche del presidente degli Stati Uniti Franklin Roosevelt, che è stato identificato come un massone.

Alcuni di Germania Axis partner decretato forze di polizia e misure discriminatorie contro i massoni. Nel mese di agosto 1940, il regime di Vichy Francia ha emesso un decreto che dichiara massoni di essere nemici dello stato e che autorizza la sorveglianza della polizia di loro. Le autorità di guerra francesi anche creato un file di carta che ha identificato tutti i membri del Grande Oriente di Francia, un’organizzazione leader francese massonica; il file carta sopravvissuto alla guerra e fu poi microfilmata per gli allevamenti degli Stati Uniti Holocaust Memorial Museum Archives.

Nel 1942, Alfred Rosenberg è stata autorizzata da un decreto di Hitler di intraprendere una “guerra intellettuale” contro gli ebrei e massoni. A tal fine, Hitler permesso “Personale distribuzione del Reich Capo Rosenberg (Einsatzstab Reichsleiter Rosenberg, ERR) per cogliere e valutare gli archivi massonici e biblioteche per attrezzare meglio loro di portare sul” di Rosenberg lotta intellettuale metodico “che era” necessario per vincere la guerra . “I membri ERR erano garantiti il sostegno del Comando delle Forze Armate tedesche (Oberkommando der Wehrmacht; OKW) nel compimento della loro missione.

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, vaste collezioni di archivi massonici e collezioni librarie che erano stati sequestrati dalle autorità tedesche sono stati catturati, a sua volta, da alleati e forze sovietiche. Ad esempio, un significativo archivio massonico è stato trovato in Slesia, nella Germania orientale, dalle truppe sovietiche negli ultimi giorni della Seconda Guerra Mondiale. Le autorità sovietiche spediti i record a Mosca, dove sono stati tenuti in archivi segreti. Altri materiali massonico-correlati sono stati recuperati in Polonia; parte di questo materiale sono stati microfilmati e conservati nell’archivio della United States Holocaust Memorial Museum. Dalla fine della Guerra Fredda, molte collezioni massonici legati sono stati restituiti ai loro paesi di origine, mentre altri continuano ad essere detenuti in archivi stranieri.

Poiché molti dei massoni che sono stati arrestati erano anche ebrei e / o membri dell’opposizione politica, non si sa quante persone sono stati messi nei campi di concentramento nazisti e / o sono stati presi di mira solo perché erano massoni. Alcuni ex membri della loggia, come individui, hanno partecipato o sono stati associati con cerchi resistenza tedesca; e alcuni sono stati arrestati e assassinati durante la Seconda Guerra Mondiale.

eilatmonumento ai massoni caduti in guerra

tradotto da un testo USA————————————————

G.M.S.

G.M.S. conosciuto dagli amici come Gianca-ex incursore di Marina, laureato in scienze politiche. Ha viaggiato molto in Africa francofona, Medio Oriente e Sud America, oggi in pensione, si occupa di tematiche escatologiche e sociali ma conserva l’amore per i viaggi e nuove conoscenze.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: