Mondo arabo o mondo islamico? differenze

0

Mondo arabo-islamico, Sciiti, Sunniti

Mondo arabo o mondo islamico?

Esiste una certa differenza fra mondo arabo e mondo islamico; in pratica tutti i paesi arabi sono islamici ma non tutti i paesi islamici sono arabi. Che vuol dire? Nient’altro che in molti paesi islamici l’arabo non è la lingua ufficiale (in Iran si parla persiano ad esempio) e quindi non possono essere additati come “arabi” (un paese è arabo se questa è la sua lingua ufficiale). I paesi arabi sono 22 – quelli cioè che aderiscono alla Lega araba e costituiscono il mondo arabo: Algeria, Arabia S., Bahrayn, Comore, Egitto, Emirati AU, Giordania, Gibuti, Iraq, Kuwayt, Libano, Libia, Marocco, Mauritania, Oman, Qatar, Palestina, Siria, Somalia, Sudan, Tunisia, Yemen. In questi paesi l’arabo è lingua ufficiale e l’Islam religione di stato; un siriano, ad esempio, sarà sia musulmano sia arabo; invece un turco sarà musulmano (perchè in Turchia l’islam è religione di stato) ma non arabo (poichè in Turchia non si parla arabo).
Sciiti
Questa è una delle due grandi confessioni dell’Islam; il termine sciiti viene dalla parola araba shi’a “partito” nella fattispecie di ‘Ali cugino del Profeta e sposo di sua figlia Fatima. L’origine dell’Islam sciita è complessa, non riassumibile in poche righe. Basti sapere che alla morte di Maometto ci fu una diatriba per stabilire chi dovesse succedergli e dunque guidare la comunità dei credenti; la divisione fu tra chi patteggiava per una successione dinastica (ossia pretendeva che il successore del Profeta doveva essere un consanguineo) costoro puntarono su ‘Ali, e chi invece scelse Abu Bakar, fidato amico di Maometto ma non suo consanguineo. I seguaci di ‘Ali sostennero che il Profeta avesse designato il cugino mentre i rivali no; di qui una serie di diatribe generarono il grande scisma che divise la comunità islamica del tempo. Ancora oggi sciiti e sunniti non hanno trovato l’unità.
Sunniti
L’ala principale costituente l’Islam maggioritario è però quella sunnita; il termine arabo sunna significa “usanza, costume” e rimanda alle tradizioni alle quali il Profeta si atteneva durante la sua vita; i sunniti seguono i famosi detti (hadith) di Maometto, che costituiscono le tradizioni e le abitudini del Profeta trasmesse fino a noi di generazione in generazione. Le fonti principali del diritto islamico sono proprio Corano e sunna. Seguono questo orientamento la maggior parte dei paesi arabi e islamici del Medio Oriente e del Nord Africa.
 
G.M.S.

G.M.S. conosciuto dagli amici come Gianca-ex incursore di Marina, laureato in scienze politiche. Ha viaggiato molto in Africa francofona, Medio Oriente e Sud America, oggi in pensione, si occupa di tematiche escatologiche e sociali ma conserva l’amore per i viaggi e nuove conoscenze.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: