perche nel nostro Paese vi sono tanti problemi di giustizia

0

pirandello

*************************************************

1) Giustizia, la Commissione Ue richiama l’Italia: è urgente modernizzare il sistema
di Beda Romano su il sole 24 ore

Bruxelles– La Commissione europea ha colto oggi l’occasione del quarto rapporto annuale sulla giustizia nei Ventotto paesi dell’Unione europea per ribadire l’urgenza di modernizzare il sistema giudiziario italiano, che nonostante miglioramenti rimane farragginoso e poco indipendente.

La presa di posizione giunge a ridosso delle prossime raccomandazioni-paese che verranno pubblicate prossimamente. Molti osservatori si attendono nuovi richiami sulla situazione della giustizia in Italia.

Secondo le ultime statistiche della Commissione europea, relative al 2014, sono sempre necessari oltre 500 giorni per risolvere in primo grado una lite commerciale e amministrativa. Il dato è migliorato rispetto al 2013 e al 2012, ma è peggiorato rispetto al 2010.

L’Italia è al terz’ultimo posto, prima di Malta e Cipro. Rispetto ad altri paesi, l’Italia ha pochi magistrati (poco più di 10 ogni 100mila abitanti), ma un gran numero di avvocati (circa 375 per ogni 100mila abitanti).

Il rapporto comunitario fa il punto anche della percepita indipendenza della magistratura italiana. Il 60% circa delle persone interpellate considera l’indipendenza dei magistrati “piuttosto o molto cattiva”.

La stessa percezione hanno le imprese. Peggio in questa categoria fanno la Bulgaria e la Slovacchia. Tra i Ventotto paesi dell’Unione, la giustizia è ritenuta la più indipendente in Danimarca e in Finlandia. A metà classifica si trovano paesi come la Francia e il Belgio.

Da qualche anno, ormai, la Commissione europea insiste perché i paesi modernizzino il sistema giudiziario. Nelle raccomandazioni-paese del 2015 questa preoccupazione era la terza su sei.

Nel rapporto pubblicato oggi, l’esecutivo comunitario fa notare che l’Italia aveva promesso riforme nel campo dell’informatizzazione della giustizia, nel settore delle professioni legali e nel diritto processuale.
Nel 2015, nei tre campi, gli annunci sono stati messi in pratica.

In una conferenza stampa, la commissaria alla Giustizia, Vera Jourova, ha riassunto la situazione italiana, notando “spazio di miglioramento per garantire qualità alla giustizia e una migliore comunicazione”.
Al tempo stesso, ha detto di “apprezzare gli sforzi del governo italiano”.

A proposito della percepita mancata indipendenza della magistratura, ha lasciato intendere che potrebbe essere, almeno in parte, “un retaggio di tempi passati”. Il riferimento è sembrato anche ai governi di Silvio Berlusconi.
Il problema dell’indipendenza della magistratura in Italia non riguarda tanto il rapporto dei magistrati con il governo quanto la commistione della magistratura con la politica.

Nel Consiglio superiore della Magistratura, i magistrati sono rappresentati sulla base di correnti politiche.

La stessa Associazione nazionale dei magistrati non nasconde la sua natura politica. Il suo nuovo presidente Piercamillo Davigo aveva detto a suo tempo che voleva rivoltare l’Italia “come un calzino”.

Infine, è da notare – in un momento in cui le intercettazioni telefoniche così come le fughe di notizie sulle indagini giudiziarie tornano d’attualità – che Italia e Cipro sono i soli paesi che non hanno inquadrato in modo formale le relazioni tra i tribunali e la stampa. In 14 paesi sui 26 presi in considerazione, il sistema giudiziario si è dotato di figure di portavoce in primo grado, secondo grado, e in Cassazione, dando loro precise linee-guida nei rapporti con i giornalisti.

durata-processi-italia-tempi-biblici-sentenze-640x4272)  Sapete perché non funziona la giustizia?
di Marcello Adriano Mazzola su Il FattoQuotidiano

giustizia-05Tutti si lamentano della malagiustizia ma pochi ne conoscono i motivi. Le stesse vittime della cattiva giustizia non comprendono perché sono divenute vittime. Occorre poi forse chiarirsi sul concetto di “vittime”

Si pensa che siano solo coloro che abbiano subito un torto immediato (un errore, una sentenza di condanna sbagliata) quando invece spesso sono vittime gli stessi avvocati.

Perché gli avvocati (i quali hanno grandi responsabilità se svolgono senza diligenza il mandato, ovvero se incorrono in violazioni deontologiche tali da danneggiare il cliente, ed anche l’incompetenza lo è) sono il terminale (nervoso) ultimo verso il quale si proiettano gli strali delle parti danneggiate.

Sono l’interfaccia della malagiustizia ma spesso (quasi sempre) non dipende da essi se la causa è durata molti anni, se il giudice ha omesso di valutare fatti importanti, se vi sono stati errori procedurali (notifiche, comunicazioni, slittamenti etc.), se la sentenza sposa tesi insostenibili.

Eppure nell’immaginario (dopato da pessima disinformazione, vedi da ultimo la Vespa ronzante che ha sostenuto giorni fa come gli avvocati non vogliono la mediazione perché ci guadagnano dai processi lunghi, al quale ha ben replicato il Cnf sottolineando “il disprezzo per la funzione e il ruolo costituzionale dell’avvocatura, come garante dell’esercizio del diritto di difesa, disprezzo che si rivolge anche alla straordinaria storia degli avvocati che tanto hanno contribuito a costruire un sistema democratico nel nostro Paese”) gli avvocati sono responsabili di tutto.

Ma essi non sono anche giudici e macchina amministrativa. Allora spieghiamo cosa accade dentro ed intorno al Palazzo.
Il legislatore da qualche anno sta aumentando in modo esponenziale i contributi unificatirendendo inaccessibile la giustizia ai cittadini poco abbienti. Solo una parte delle entrate rimane al Ministero della Giustizia.
Perché si vuole rendere inaccessibile la giustizia?

I magistrati togati sono circa 8000 e quelli fuori ruolo (dediti a politica, assegnati ai ministeri etc.) circa 1000. Quelli non togati (onorari) sono in numero maggiore ma sono sottopagati. La giustizia nei numeri si regge soprattutto sulle spalle dei secondi. Spesso non sono ben organizzati perché non esiste un manager della giustizia.

Spesso i magistrati sono dediti ad arbitrati, insegnamenti all’università, a scrivere libri.

Il processo telematico è ancora una chimera, tranne qualche città, dove però non è a pieno regime. Abbiamo un divario abnorme nella qualità, tra tribunali che funzionano e tribunali dissestati. Da ultimo il legislatore ha tagliato a raso centinaia di tribunali, senza distinzioni sull’efficienza. Perché tutto ciò?

Il processo mostra le sue falle sin dall’avvio. Gli atti introduttivi (e non solo) del processo vanno notificati e ci si deve servire degli ufficiali giudiziari e/o a sua volta della Posta, tranne i casi in cui l’avvocato abbia ottenuto l’autorizzazione a notificare da sé. Le notifiche possono avere tempi lunghissimi (nell’attesa di richiederle e nella resa degli atti, a Milano dopo 30 giorni! E nel mentre non si sa se la notifica sia andata a buon fine).

A volte si può notificare anche per fax o email ma il procedimento è scoraggiante. Spesso i processi saltano a causa degli errori o mancate notifiche, oppure anche perché non vengono restituiti gli atti. Basterebbe dotare ogni soggetto di Pec e consentire agli avvocati di procedere da se alle notifiche via Pec. Una riforma semplicissima a basso costo e con la certezza del diritto. Perché non si fa?

Le cancellerie sono spesso disorganizzate, con i fascicoli accessibili da chiunque (infatti alle volte spariscono), e le funzioni dei cancellieri e degli ausiliari spesso vengono assolte dagli avvocati (perché? Abbiamo indennità al riguardo?). La maleducazione e l’arroganza regnano spesso sovrane contando sull’impunità. Gli orari sono flessibili (per loro) e inflessibili (per noi).

Nel processo accade di tutto e di più. I giudici puntuali, educati e non arroganti non sono molti. Capita spesso che vi siano rinvii d’ufficio, non comunicati alle parti (sempre), a date incredibilmente lontane (6 mesi, 1 anno), senza giustificazione.

I giudici tengono in riserva le decisioni senza alcun termine (mesi, a volte anche un anno) e depositano le sentenze quando gli aggrada. Per i giudici i termini sono ordinatori (dunque fan quel che vogliono) mentre per gli avvocati sono perentori (se li violi, paghi), ed è come se in una partita le regole valessero solo per una parte. Perché?

I giudici hanno in mano le redini del processo, ne decidono la fase istruttoria e la durata. L’avvocato ha solo facoltà di chiederli. Finiamola dunque con l’addebitare all’avvocatura colpe che non ha. E riformiamo seriamente la giustizia, invece di tentare di privatizzarla, espropriando i diritti dei cittadini. La giustizia efficiente è patrimonio di tutti.

tribunale-294d79

post-gms

G.M.S.

G.M.S. conosciuto dagli amici come Gianca-ex incursore di Marina, laureato in scienze politiche. Ha viaggiato molto in Africa francofona, Medio Oriente e Sud America, oggi in pensione, si occupa di tematiche escatologiche e sociali ma conserva l’amore per i viaggi e nuove conoscenze.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: