Civiltà e democrazia…pensiero…

0
Una civiltà non si regge in piedi se non riesce a convincere i propri cittadini che i suoi valori, i suoi modelli di vita sono superiori a quelli di ogni altra civiltà, passata. La maggioranza dei cittadini deve avere la convinzione che alla propria civiltà non vi siano alternative praticabili, al massimo sono possibili sono aggiustamenti, riforme, ma non certo rivolgimenti sconvolgenti.
Questo è quanto di norma avviene in una civiltà borghese, dove in nome della scienza e della tecnica, della capacità commerciale e finanziaria, della potenza bellica, della grande elaborazione di leggi, di filosofie, di ideologie di ogni tipo, su qualunque argomento dello scibile umano, si è convinti d’essere i migliori.
I cittadini comuni hanno la convinzione che, nonostante le crisi cicliche, i fallimenti bancari e aziendali, i dissesti finanziari delle borse mondiali, le relazioni spesso illegali, supportate da sistemi di corruttela, tra economia e politica, la cronica disoccupazione, la crescente inflazione, sia parte del sistema di vita che non puo avere alternative, ed in via di principio, sembri quindi quanto di meglio in quel detterminato periodo si possa avere.
Sin dalle sue origini e più ancora con il suo affermarsi la borghesia ha generato l’attività commerciale e finanziaria, che sempre più, nei tempi giunse a livelli di immoralità impensabili, predicando a tutta la società, ereditandola in parte dalla chiesa, una morale finalizzata a parere più che umana e più che cristiana. Nei fatti, dietro la copertura di elevati principi etici si sono tollerate, nella pratica quotidiana, ingiustizie e bassezze.
Ci si può chiedere, in tal senso, quali caratteristiche potrà e dovrà avere la civiltà in divenire?, ossia quella che sostituirà la nostra?; è da ritenere che per forza dovrà mostrare maggiore coerenza tra valori umani e prassi sociale, almeno nella fase iniziale, la politica, l’ideologia, l’etica, la coscienza dovranno necessariamente avere più importanza del profitto, della rendita, del denaro, del capitale.
Dovrà avere più importanza anche della scienza, della tecnica che devasta la natura, del militarismo aggressivo e colonialista o neo-colonialista con cui ancora oggi alcuni intendono dominare il mondo; prevaricando popoli, genti, per garatirsi uno status di privilegiato profitto
In occidente, nei paesi cosi detti capitalisti ci si appella all’etica, ai suoi principi universali, quando fallisce l’economia, quando i gestori della produzione, del business, della finanza rivelano il loro vero volto di immorali, di usurai legalizzati o peggio di corrotti e corruttori; allora si ricorre all’etica nella speranza che i cittadini, cui sono stati sotratti parte dei risparmi, e immiseriti, per rimediare i guasti di furbi manager, di incapaci politici, senza tralasciare gli imprenditori senza scrupoli, i cinici bancari, speculatori finanziari; continuino a pazientare, ed incosciamente continuino a credere alla ciarlataneria loro indotta o peggio inculcata quale necessità di un sacrificio sociale, e quindi adottino la tolleranza, la comprensione per gli iniqui, la cui iniquità gravano sulle loro pazienti spalle.
Ieri venivamo spaventati col pericolo dittatoriale, della perdita dei principi democratici, oggi veniamo rassicurati in quanto il sacrificio imposto e fatto appunto a tutela e salvaguardia della stessa democrazia, sacrifici, che per altro però non tangono la casta e le lobbies, parassitarismo questo che offende e calpesta la dignità di ogni cittadino comune.
Solo una vera democrazia compiuta forse potrebbe migliorare la vita il sociale di ciascuno, ma anzi tutto è necessario eliminare i privileggi della casta e delle lobbies, e questo oggi è da ritenere che non possa avvenire con formule democratiche, ma solo forse con forti sommovimenti della piazza.
elab-g.m.s.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
G.M.S.

G.M.S. conosciuto dagli amici come Gianca-ex incursore di Marina, laureato in scienze politiche. Ha viaggiato molto in Africa francofona, Medio Oriente e Sud America, oggi in pensione, si occupa di tematiche escatologiche e sociali ma conserva l’amore per i viaggi e nuove conoscenze.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: