chi erano i Nephilim

0

Nella Bibbia la parola nephilim viene spesso tradotta come “giganti” o “titani”, mentre in altre traduzioni si preferisce mantenere il termine nefilim. La radice dunque più accreditata è l’aramaica “naphil” che significa letteralmente “giganti”. Nella lingua aramaica esiste il termine nephilà, un nome proprio che identifica la costellazione di Orione.

A tal proposito molti studiosi sostengono che la radice “nephil” si riferisca alla costellazione di Orione: il termine “nephilim” sarebbe quindi il plurale di “nephila”.

Come dice la Bibbia, i Giganti erano inizialmente esseri umani. Altri studiosi, come il teologo americano Charles Calddweel Ryrie sostengono che la radice etimologica di Nefilim sia “cadere”, ossia cadere su di altri, dovuto al fatto che sarebbero stati uomini dalla forza inusitata.

In ogni caso secondo Ryrie non erano la prole di quei matrimoni dai quali sarebbero nati eroi o uomini famosi.

Alcune versioni parlano di eroi famosi, guerrieri caduti o ancora angeli caduti e un’ennesima traduzione potrebbe essere quelli che sono precipitati giacché il nome deriva dalla radice semitica nafal che significa cadere.

riferimenti biblici  Nella Genesi (Genesi 6:1-8) si legge:

« Quando gli uomini cominciarono a moltiplicarsi sulla terra e nacquero loro delle figlie, i figli di Dio videro che le figlie degli uomini erano belle e ne presero per mogli a loro scelta. Allora il Signore disse: “Il mio spirito non resterà sempre nell’uomo, perché egli è carne e la sua vita sarà di centoventi anni”. C’erano sulla terra i giganti a quei tempi – e anche dopo -, quando i figli di Dio si univano alle figlie degli uomini e queste partorivano loro dei figli: sono questi gli eroi dell’antichità, uomini famosi..

L’interpretazione cristiana

I primi apologisti cristiani, come Tertulliano e soprattutto Lattanzio accolsero l’idea, presente chiaramente nel Libro di Enoch e negli scritti a esso correlati, che i “figli di Dio”, i benei ha-elohim letteralmente “figli degli dèi”) fossero gli angeli caduti, come sembra alludere anche il passo della Genesi. Tuttavia, in seguito Giulio Africano e Agostino d’Ippona condannarono l’idea che i cosiddetti “figli di Dio” potessero essere angeli.

Nella Città di Dio, i figli di Dio sono fatti divenire i discendenti di Set. Altri suggeriscono che i “figli di Dio” in realtà fossero personaggi storici del passato, completamente umani, divinizzati dalla tradizione orale.

I “figli di Dio” sono quindi individuati come i discendenti di Set, mentre i “figli degli uomini” come i discendenti di Caino. A conforto di questa ipotesi si richiama il fatto che lo scopo del diluvio universale inviato da Dio era quello di spazzare via dalla Terra quei nefilim che si erano resi così orgogliosi e depravati ai tempi di Noè.

L’idea che esseri divini possano accoppiarsi con umani risulta controversa, specialmente tra molti cristiani che, citando un’interpretazione degli insegnamenti di Gesù nel Vangelo di Matteo, affermano che “gli angeli non si sposano” (Matteo 22:30; Marco 12:25) sebbene questo sia un concetto estrapolato dal contesto del verso, perché in Luca (Luca 20:34-36)

Gesù afferma che i resuscitati non si sposano nel cielo, ma sono “come gli angeli”. In questa ipotesi però resta inspiegato di come sia possibile che dall’unione tra i figli di Dio e le figlie degli uomini possano nascere dei giganti, che tra l’altro ricompaiono anche dopo il diluvio, dove vengono specificate anche le loro dimensioni.

La Chiesa ortodossa etiope accoglie il libro di Enoch come canonico.

G.M.S.

G.M.S. conosciuto dagli amici come Gianca-ex incursore di Marina, laureato in scienze politiche. Ha viaggiato molto in Africa francofona, Medio Oriente e Sud America, oggi in pensione, si occupa di tematiche escatologiche e sociali ma conserva l’amore per i viaggi e nuove conoscenze.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: