Razzismo: pregiudizi

0
I pregiudizi razziali in senso stretto, come coscienza della superiorità “biologica” della propria “razza”, si sono sviluppati nell’epoca moderna, alla fine del XVIII sec., per giustificare una politica nazionalistica e colonialistica.
Nei confronti degli schiavi negri, nei primi tempi del colonialismo, gli europei avevano un disprezzo legato alla condizione sociale e non al sangue. Il nero non veniva considerato di per sé inferiore al bianco, anche se l’arretratezza scientifica e tecnologica veniva usata per sottomettere le popolazioni non-europee.
Una prima giustificazione delle differenze “razziali” venne avanzata quando cominciarono a farsi strada delle posizioni favorevoli all’emancipazione degli schiavi negri (vedi ad es. la Rivoluzione francese e il cosiddetto mito del “buon selvaggio”, contrapposto all’uomo civilizzato ma disumano, perché avido e prepotente).
Nei tempi antichi gli uomini potevano essere perseguitati per motivi religiosi, politici, sociali, culturali… ma non lo sono mai stati per motivi biologici.
E’ vero che in Grecia Aristotele giustificava la schiavitù dicendo che “per natura” alcuni comandavano e altri obbedivano (schiavi cioè si nasce non si diventa), ma questa differenza era -secondo lui- determinata dal “caso” e comunque non comportava l’eliminazione fisica dello schiavo, né si riteneva che, in via del tutto eccezionale, uno schiavo non potesse, una volta affrancato dal padrone, arrivare ai livelli di una persona libera.
Aristotele credeva che l’attitudine fisica a comandare o a servire dipendesse dall’inclinazione del carattere: in tal modo non si rendeva conto di quali differenze sociali potevano impedire a uno schiavo di comandare o comunque di far valere le sue reali potenzialità (da notare che molti schiavi, almeno all’inizio, furono popolazioni libere vinte in guerra).
I “barbari” (altro concetto razzista, che tarda a morire) erano considerati tali, dai greci e dai romani, per motivi culturali non biologici (anzi, sul piano biologico, molti li consideravano superiori, perché più robusti fisicamente dei latini). Il disprezzo che si aveva per la loro arretratezza culturale, tecnica, scientifica, militare ci ha sempre impedito di cogliere gli aspetti positivi del loro stile di vita, dei loro valori tribali.
I greci e i romani, più che legare il sangue alla razza, legavano il concetto di cittadinanza (che rendeva giuridicamente liberi) a quello di civiltà (che rendeva superiori nello “spirito”). La cittadinanza (cioè il privilegio di appartenere a un popolo evoluto) veniva concessa soltanto a chi accettava i valori della civiltà greco-romana e da questa civiltà veniva riconosciuto idoneo. Era un privilegio sociale, politico e giuridico, non certo biologico. In virtù di questo privilegio il cittadino poteva guardare con disprezzo le altre culture e civiltà.
Nel Medioevo i cattolici europei si consideravano superiori a tutte le altre popolazioni del mondo non solo per motivi culturali ma anche e soprattutto per motivi religiosi: di qui il disprezzo e le persecuzioni di ebrei, musulmani, eretici, pagani (incluse le guerre all’interno dello stesso cristianesimo, fra cattolici e ortodossi, fra cattolici e protestanti). Naturalmente vi furono anche dei cattolici – come ad es. Bartolomeo de Las Casas- che sostennero l’uguaglianza degli uomini, a prescindere dalle loro differenze etniche o religiose. D’altra parte gli stessi vangeli erano chiaramente orientati verso l’uguaglianza universale degli uomini.
Il disprezzo biologico non è che una sofisticazione usata per giustificare meglio quello culturale. Nel XVIII sec. si formò una vera e propria ideologia razzista. Essa partiva dalla differenza dei tratti somatici e del colore della pelle per affermare una differenza di carattere biologico ereditario e quindi una inferiorità intellettuale e morale, oltre che genetica.
Nel XIX sec. si passa a interpretare la storia come una competizione tra razze forti e razze deboli. La decadenza delle grandi civiltà viene spiegata con l’incrocio delle razze che impoverirebbe la purezza del sangue.
Queste tesi furono adottate dal nazismo, che mirò all’eliminazione fisica delle cd. “razze inferiori”, ivi incluse alcune categorie sociali (ebrei, slavi, zingari, zigani, pazzi, handicappati, omosessuali…). Ciò però non vuol dire che il nazismo credesse (nei suoi ranghi intellettuali) nel valore scientifico di queste tesi, che è peraltro indimostrabile, in quanto non siamo in grado di risalire alla formazione originaria delle presunte “razze”.
Il nazismo si era appropriato di queste tesi perché gli tornavano utili per sconvolgere l’assetto del mondo, determinato a ovest dal potere di G.B. e Francia; a est dal potere dell’URSS; oltre oceano dal potere degli USA. La Germania, convinta di avere grandi potenzialità inespresse, si sentiva tagliata fuori dalla possibilità di dominare una parte del mondo (essa ad es. non aveva potuto partecipare alla spartizione delle colonie).
Per quanto riguarda il fascismo italiano, Mussolini non solo non ha mai creduto al concetto biologico di “razza” (né lo riteneva utile per affermare il proprio nazionalismo), ma era anche convinto che proprio dalla fusione delle razze potevano nascere individui migliori. Questo tuttavia non gli impedì di considerare gli slavi e i neri come dei popoli sottosviluppati da sottomettere, né di perseguitare gli ebrei, dopo l’alleanza con la Germania.
Dobbiamo ancora usare il concetto di “razza”? Sì, se lo usiamo in maniera puramente convenzionale, per indicare il colore della pelle. Per il resto tutti gli uomini appartengono alla stessa specie, tutti sono derivati da uno stesso ceppo ancestrale, tutti hanno in comune lo stesso patrimonio genetico.
Se vogliamo distinguere le popolazioni sul piano culturale, dobbiamo parlare di gruppi etnici (eventualmente “misti”), nel senso che l’uomo è un “prodotto culturale”.
Oggi tuttavia appare chiaro che il pregiudizio razziale è determinato da fattori di carattere socioeconomico (come i conflitti fra le classi sociali). Prendiamo ad es. i matrimoni misti. Là dove i matrimoni misti sono molto osteggiati e dove gli individui vengono giudicati in base alla loro appartenenza al gruppo, lì esiste una differenza di classe o di casta. Le classi più elevate danno più importanza all’estrazione sociale, alla nascita, alla buona famiglia, al parentado… e non vogliono, di solito, matrimoni con individui di classi inferiori.
L’uomo di classe elevata innalza alla propria classe la donna che sposa; l’uomo di classe inferiore la abbassa. Nel mondo occidentale la stratificazione delle classi sono determinate, tendenzialmente, per linea paterna. Se però l’uomo bianco sposa una donna nera, facilmente i figli vengono relegati alla casta della madre.
Le prime teorie razziste, basate sulla superiorità biologica e culturale di una razza sull’altra, comparsero e si svilupparono nel ‘500, col sorgere dei grandi imperi coloniali; cioè quando spagnoli e portoghesi iniziarono il traffico degli schiavi africani da utilizzare nelle miniere e nelle piantagioni americane di cotone.
La teoria dell’inferiorità razziale era stata creata per giustificare lo sfruttamento dei neri da parte dei bianchi. Fu solo nell’Ottocento che gli schiavisti cominciarono a perdere le loro battaglie: in Inghilterra la schiavitù venne abolita nel 1808, in Francia nel 1848, in Olanda nel 1863. Lo schiavismo aveva trovato i suoi più accaniti sostenitori tra gli aristocratici possidenti del sud degli Stati Uniti. Qui la schiavitù venne abolita da Abramo Lincoln nel 1861.
Il razzismo contemporaneo nacque in Europa nella seconda metà del sec. XIX. Il suo fondatore fu il conte de Gobineau, che scrisse un libro sull’ineguaglianza delle razze umane. Alla fine del secolo scorso l’inglese Chamberlain, forte ammiratore dei tedeschi, riprese le teorie di de Gobineau, sostenendo che ogni uomo, solo per il fatto di appartenere a una certa razza, possiede delle qualità destinate a realizzare determinati fini. Per quanto riguarda i tedeschi il loro fine particolare è il dominio del mondo. Con Chamberlain nasce anche la giustificazione teorica dell’antisemitismo e la valorizzazione del concetto di “razza ariana”.
Tutte le sue idee vennero accettate dal nazismo. Hitler, nel libro Mein Kampf, affermò che l’incrocio delle razze determina il decadimento fisico e spirituale della razza superiore. E’ inutile ricercare -diceva Hitler- quale sia la razza originaria portatrice della cultura umana: ciò che conta sono i risultati attuali, nel senso che la razza superiore è quella che riesce a dimostrare d’essere la più forte e la migliore in ogni campo. E quella tedesca coincide con la razza ariana.
Le accuse di Hitler agli ebrei furono molto pesanti. Egli sosteneva che l’ebreo, una volta arricchitosi, è in grado di influenzare il potere politico contro gli interessi della stessa nazione; se invece l’ebreo non si arricchiva diventava un comunista, per cui in entrambi i casi egli aspirava al dominio del mondo.
Hitler chiedeva allo Stato tedesco di porre al centro della politica demografica il concetto di razza, per spopolare l’Europa e creare lo “spazio vitale” indispensabile all’espansione del popolo tedesco. Inoltre per impedire che nascano bambini malati o difettosi, ovvero che nascono, grazie alla scienza, individui “puri”. A tale scopo occorreva realizzare dei lager di sterminio, di lavoro delle razze inferiori e di sperimentazione scientifica (trapianti, operazioni senza anestesia, inoculazione di malattie, ecc.). Le razze da sterminare erano principalmente quella slava, ebraica, zingari, e tutti gli uomini deboli o malati.
Da tempo l’antropologia ha abbandonato il concetto di razza come legato ad esigenze pratiche di classificazione scientifica. Lo si usava per distinguere i vari gruppi umani sulla base di caratteristiche fisiche che si trasmettono ereditariamente. Ora invece si ammette che non esistono particolari attitudini esclusive di una determinata razza, che la rendono superiore a un’altra. Le maggiori capacità di un gruppo sono da attribuire a circostanze storiche, geografiche, sociologiche, non certamente a congenite differenze intellettuali e morali. Il concetto di razza andrebbe quindi sostituito con quello di gruppo culturale.
Da questo punto di vista sarebbe opportuno valutare anzi rivalutare tutte le civiltà, in rapporto alla storia di ciascuna di esse, e non sul modello arbitrario di una sola civiltà (ad es. quella occidentale). Una civiltà è il frutto di quelle condizioni di vita (materiali, sociali e culturali) che si sono presentate durante il corso degli eventi. Cinquemila anni fa, p.es., gli egiziani avrebbero potuto considerare gli europei degli esseri inferiori o incivili. Il tempo non può essere il metro per misurare lo sviluppo di una civiltà. Mutamenti culturali che per alcuni popoli hanno richiesto dei secoli, per altri possono realizzarsi nel giro di pochi anni.
Semmai è un altro l’aspetto da considerare, se si vuole parlare di sviluppo di una civiltà: la capacità di adattamento al mutare delle condizioni di vita e dei fattori ambientali. E’ questa capacità, innata in ogni essere umano, che permette a una civiltà di svilupparsi più o meno in fretta, di modificarsi. Si potrebbe qui aggiungere che i popoli le cui civiltà hanno camminato più lentamente sono quelli vissuti nell’isolamento, cioè con pochi contatti con i popoli vicini. Lo scambio delle esperienze, delle conoscenze, delle abilità tecniche ed operative è sempre stata la molla che ha fatto scattare l’esigenza di un mutamento.
Il razzismo è una sorta di autodifesa rozza e primitiva contro la perdita di identità e di valori, ma anche contro l’insicurezza sociale, il peggioramento dei propri standard vitali, che sono causati dallo strapotere dei monopoli e che nelle società capitalistiche determinano gli stessi disvalori che si vivono nella dimensione sovrastrutturale. Li determinano ovviamente non in maniera totalizzante, altrimenti sarebbe impossibile una qualunque contestazione del sistema, ma in maniera relativa, poiché è il denaro il principale dio cui occorre dedicare ogni attenzione. La manipolazione della coscienza ha questo preciso limite, oltre il quale non riesce ad andare.
Col razzismo si addebitano ai più deboli, ai diversi, ai marginali, che subiscono le medesime contraddizioni delle masse in generale, le cause del malessere collettivo. Tali categorie, peraltro, essendo già abituate all’emarginazione, possono anche soffrire gli antagonismi sociali con meno tensione di quelle che, abituate invece a certi standard di vita, si vedono progressivamente declassare a livelli ritenuti assolutamente inaccettabili.
Il razzismo non emerge nelle classi molto agiate, poiché esse sono già razziste per definizione e non hanno bisogno di avvalersene per arrivare in cima alla scala del successo personale. Il razzismo emerge sempre in quelle classi sociali che non vogliono perdere un livello medio di benessere, oppure in quelle classi che pensano di emanciparsi socialmente aggregandosi a quei partiti e movimenti che predicano dichiaratamente il razzismo.

-g.m.s.
G.M.S.

G.M.S. conosciuto dagli amici come Gianca-ex incursore di Marina, laureato in scienze politiche. Ha viaggiato molto in Africa francofona, Medio Oriente e Sud America, oggi in pensione, si occupa di tematiche escatologiche e sociali ma conserva l’amore per i viaggi e nuove conoscenze.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: