Poesie di donne che parlano d’amore…(video)

0
In un mondo sempre più distratto affanato da tematiche materiali, rivoluzionarie, dove lo sconcerto porta alla alienazione, l’egoismo imperversa quale regola- quattro passi nella dimensione del cuore e dello spirito assetati di bellezza, semplicità e verità-ci aiutano a ridestare nel cuore e nell’anima quel che vi è in noi tutti di umano e buono.
E’ opinione della redazione di cimentarsi in pubblicazioni di grandi poeti e di sconosciuti poeti, con l’auspicio di dare un messaggio attraverso la poesia di serenità in questa epoca confusa allienante dove il sociale permane in lagni, la politica è confusa ed incapace di risposte, l’economia allo sfascio, il cittadino comune nella disperazione. Ragione per cui noi riteniamo che una poesia possa dare un momento di serenità e pace interiore e magari risvegliare quanto ancora vi è di buono sopito in noi tutti-g.m.s.
 *Scusami Credendo di averti solo per me, ho dimenticato che tu appartieni al mondo… Così quando mi sono resa conto che dirti di no era stato un errore volevo tornare indietro… Ma non potevo! Tu te ne eri già andato! …
Se amare è peccato allora amami e andremo insieme verso l’inferno… Se desiderarti è peccato, ti desidererò finché non brucerò nelle fiamme eterne… Se toccarti è peccato, la mia mano toccherà la tua pelle fino a consumarsi… Se pensarti ogni singolo momento del giorno e della notte e cercarti dovunque anche nei sogni è ancora peccato, credo che per la mia anima non ci sarà più scampo… Ma sarò ben lieta di finire nelle profondità della terra senza luce per aver amato te!
 Impara ad ascoltare prima di parlare, impara ad osservare non fermarti solo a guardare, impara a scoprire l’essenza dell’anima prima ancora dell’apparire, impara a donare prima di pretendere di ricevere è nelle cose semplici che arricchirai la tua vita e scoprirai l’essenza del vero amore.
Un sasso è più vivo di me inoquo, sa amare la solitudine. L’indifferenza è l’unico sentimento che possiede. Chi ama?Chi odia? Nessuno. Io giudico, disprezzo. Io cerco il diverso. L’uomo è diverso, non sa tacere. Perché? Egli odia la solitudine. E il sasso? È migliore. Non combatte la vita, tace a ogni malinconia. Il sasso vive senza emozioni in un mondo reale. L’uomo vive per i sogni in un mondo d’illusioni.
Perché Mille colori mille suoni I sapori, gli odori, le emozioni Il vento freddo che spazza le foglie Il lento tappeto che si crea su strade e prati. I lunghi viali alberati si addobbano di tinte rosse e marroni ed il cielo si fa sempre più limpido verso la sera… I fiumi che corrono veloci per la loro scia E gli stormi che volano nel cielo… E tutto si fa più allegro, più vivo ma per me c’è ancora tristezza, c’è ancora qualcosa che opprime la mia felicità. E spero un giorno di capire il Perché…fore è il bisogno di amare!

G.M.S.

G.M.S. conosciuto dagli amici come Gianca-ex incursore di Marina, laureato in scienze politiche. Ha viaggiato molto in Africa francofona, Medio Oriente e Sud America, oggi in pensione, si occupa di tematiche escatologiche e sociali ma conserva l’amore per i viaggi e nuove conoscenze.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: