Italia:un pezzo di storia fatta cadere nell’oblio…

0

Un pezzo nascosto di storia italiana del Novecento- La commissione d’inchiesta- per i presunti criminali di guerra italiani

Fu costituita con Decreto il 6 maggio 1946 presso il Ministero della Guerra (poi ella Difesa).

Con questo atto il Governo italiano, come documentato da F.Focardi e L. Klinkhammer, cercava di evitare che i presunti criminali di guerra italiani venissero consegnati ai governi esteri, da cui venivano richiesti per essere processati.

Infatti la dichiarazione finale della Conferenza di Mosca del 30 ottobre 1943 prevedeva che gli italiani che si erano resi colpevoli di crimini nei paesi occupati dovevano essere “consegnati alla giustizia”; questo fatto era assodato anche per gli stessi diplomatici italiani che seguivano la questione.

Ma la scelta politica di non consegnare i presunti criminali venne motivata attraverso un’interpretazione strumentale della dichiarazione di Mosca da parte del Governo De Gasperi, sostenendo tra l’altro la necessità di svolgere gli eventuali processi in Italia.

Ma il Trattato di pace (nell’art.38 della bozza presentata il 18.7.1946 e nell’art. 45 della versione definitiva firmata il 10.2.1947) prevedeva che l’Italia arrestasse e consegnasse ai paesi richiedenti le persone accusate di aver ordinato, commesso o essere stati complici di crimini di guerra, di crimini contro la pace e di crimini contro l’umanità.

Quindi la ventilata possibilità di sottoporre alla Magistratura italiana militari e civili italiani accusati di crimini di guerra, non poteva schiacciare il diritto delle nazioni colpite da azioni crimini attuate dall’esercito italiano.

In più venivano riconosciute responsabilità dei militari italiani anche per quei crimini contro l’umanità e contro la pace ritenuti addebitabili – secondo l’interpretazione ufficiale italiana – solo ai nazisti.

Allo scopo di rendere meno attaccabile il rifiuto di consegnare i presunti criminali richiesti, il Ministro della Guerra Brosio propose di istituire una commissione di inchiesta strettamente tecnica, per vagliare le accuse ed eventualmente deferire all’autorità giudiziaria gli inquisiti.

Quindi questa avrebbe dovuto essere composta da alti generali ed ex-ministri della guerra dei governi succedutisi dopo l’8 settembre 1943.

Il decreto ministeriale istituì quindi una commissione composta da sei avvocati (di cui tre erano deputati) e tre generali (in rappresentanza delle tre armi: esercito, marina e aviazione).

I tempi di lavoro della commissione

La commissione operò per i primi mesi sotto la presidenza dell’ex-ministro della Guerra il senatore liberale Alessandro Casati. Nell’autunno del 1946 ne divenne presidente l’ex-ministro dell’Aeronautica il parlamentare Luigi Gasparotto, che poco dopo la lasciò essendo diventato Ministro della Difesa (da cui dipendeva la Commissione stessa), ma per diventarne nuovamente presidente a partire dal dicembre del 1947.

Dalla documentazione visionata si è potuto accertare che la commissione proseguiva i lavori ancora nel luglio 1948.Nell’agosto dell’anno seguente, mutate le condizioni di politica internazionale, la Commissione aveva cessato il proprio lavoro.

La Memoria della commissione.

Nell’archivio dello stesso Gasparotto è depositata la premessa e la prima parte della Memoria redatta dalla Commissione stessa, che illustra l’impostazione sulla cui base venne svolto il lavoro di analisi delle accuse e della documentazione inviata dal Governo jugoslavo.

Nella Memoria compaiono ampie giustificazioni per le azioni criminose dei generali italiani; confrontandole con gli atti di difesa redatti dagli inquisiti (reperiti nello stesso archivio) si può constatare un’assoluta uguaglianza di motivazioni.

Infatti il documento precisa che la commissione “tenuto nel debito conto il particolare ambiente in cui le persone indiziate come colpevoli di crimini di guerra ebbero a svolgere la loro attività”.

Singolare è anche la coincidenza dell’analisi della situazione politica e militare fatta della Commissione con quella che emerge nei documenti redatti dai generali inquisiti, in particolare nel testo di Orlando e Robotti del novembre 1941 inviato al comandante della II Armata.

Nella Memoria inoltre viene presentata una ricostruzione storica dell’occupazione italiana dei territori jugoslavi tra l’aprile 1941 ed il settembre 1943 (ovvero parte della Slovenia, della Croazia, compresa la Dalmazia, e della Bosnia ed il Montenegro).

Viene tratteggiata un’immagine positiva del ruolo dell’esercito italiano: questo sarebbe stato ben accolto dalla popolazione (anche perché l’occupazione tedesca era più temuta) ed avrebbe avuto anche il merito di porre un freno alle terribili violenze degli ustascia croati.

Ma, secondo il documento, questa situazione quasi idilliaca sarebbe gradualmente mutata e “nell’estate del 1942, in conseguenza della situazione generale e soprattutto dell’entrata in guerra della Russia, le formazioni ostili assunsero maggiormente consistenza e migliore organizzazione; fra esse primeggiarono quelle partigiane” filo-sovietiche.

A questo punto la Commissione ammette che vennero adottati “veri provvedimenti repressivi, quali l’internamento delle persone sospettate di partecipare alla lotta partigiana o abitanti nelle vicinanza dei luoghi ove venivano compiuti atti di sabotaggio, operazioni di rastrellamento a breve e a largo raggio, ed azioni di rappresaglia per atti compiuti dal nemico in contrasto con le leggi di guerra”.

Il documento sostiene che in seguito a “gravi e numerosi … atti di ferocia commessi dai partigiani contro i militari da essi catturati: … le nostre Autorità dovettero adottare dei provvedimenti di rigore che, in altre condizioni, si sarebbero dovuti senz’altro considerare eccessivi”.

Quindi la Memoria conclude la parte riguardante la Jugoslavia, ribadendo il ruolo positivo dei comandanti italiani in quanto i delitti “più atroci, le barbare distruzioni di interi villaggi e di edifici” sarebbero stati opera dei gruppi etnici in lotta fra loro, mentre “le nostre Autorità di occupazione” sarebbero intervenute “per assicurare una vita pacifica alle popolazioni”.

E’ chiaro dall’analisi di questo documento, che ha guidato l’azione della commissione, che questa si è fatta interprete delle indicazioni politiche, che emergono anche dai documenti del Ministero degli Affari Esteri.

Infatti tra i nomi degli italiani richiesti per crimini di guerra figuravano quelli di ufficiali, funzionari, uomini politici che ricoprivano alte cariche nello Stato italiano, come ha scritto il ministro Brosio.

Molti generali, indicati nelle liste della Commissione delle Nazione Unite come criminali di guerra, ricoprivano incarichi nel Ministero della Guerra, addirittura il gen. Orlando, uno dei teorici e degli artefici della repressione in Slovenia, era stato ministro.

Quindi la Commissione più che d’Inchiesta, sembrava un collegio di difesa per quasi tutti gli indagati.

Facevano eccezione alcuni, ad esempio gli alti ufficiali del Tribunale Straordinario della Dalmazia, per cui, leggendo gli atti, si desume che fosse stato deciso il sacrificio forse ad una condanna a qualche anno di carcere.

Ma queste affermazioni vengono puntualmente contraddette da numerose circolari e disposizioni emanate dai generali comandanti, che dimostrano senza alcun dubbio, la feroce volontà repressiva e vessatoria dei comandanti militari nei confronti della popolazione civile e dei partigiani.

Questi documenti erano a disposizione della Commissione, sia direttamente negli archivi militari italiani sia presso quelli alleati.

Ma un’altra conferma di tutto questo emerge dal diario di un cappellano militare, don Pietro Brignoli, edito postumo nel 1972, dal titolo Santa messa per i miei fucilati, in cui lo stesso testimonia le feroci rappresaglie operate dall’esercito italiano; infatti il sacerdote era inquadrato nel II reggimento (comandante prima col. E.Silvestri, quindi col. U.Penna) della divisione Granatieri di Sardegna, operante in Slovenia ed in Croazia tra il maggio 1941 ed il novembre 1942, e prestò assistenza religiosa ai molti ostaggi civili, e ai pochissimi partigiani catturati, che quasi ogni giorno venivano sommariamente “giudicati” dal tribunale di guerra del reggimento e subito fucilati; questo prete, un fervente anticomunista, narra dolorosamente anche del sistematico incendio di villaggi, della deportazione della popolazione nei campi di concentramento e dei continui furti operati dagli ufficiali e dalla truppa verso i civili.

Le liste dei presunti criminali di guerra predisposte dalla commissione

11 settembre 1946. In una lettera al Capo della Commissione Alleata Ammiraglio E. W. Stone, in risposta ad una sua in data 2 maggio 1946, il Presidente del Consiglio De Gasperi scrive che “la Commissione ha redatto un elenco di quaranta nomi di militari e civili, contro i quali può essere elevata l’accusa … di essere venuti meno ai principi del diritto internazionale di guerra e ai doveri dell’umanità”.

23 ottobre 1946. Un primo comunicato della commissione d’inchiesta indicava i nomi di sei inquisiti: i generali Roatta, Robotti e Magaldi, i ten. col. Sorrentino e Caruso, e l’ambasciatore Bastianini.

13 dicembre 1946. Un secondo comunicato della commissione indicava altri otto nomi (fra cui i generali Pirzio Biroli, Gambara e Coturri, e inoltre Giunta e Grazioli.

Dal gennaio al maggio 1947 vennero emessi altri comunicati che indicavano in una ventina gli inquisiti deferibili al tribunale militare per crimini di guerra.

Nell’archivio Gasparotto sono conservate tre liste di lavoro della commissione d’inchiesta in cui sono indicati i nomi di militari e civili accusati da paesi esteri di crimini di guerra e di crimini contro l’umanità:

Situazione al 25 gennaio 1947 12 gennaio 1948 23 marzo 1948

Deferiti 13 28 29 – Discriminati 23 111 133 -Sospesi 7 2 6 –Totale 43 141 168

 Quindi la lista smentisce i dati indicati da De Gasperi a Stone, ridimensionando le cifre.

Come indica la tabella i quaranta nomi in realtà si riducono a tredici presunti criminali di guerra da deferire al tribunale militare.

 La commissione in quasi due anni di lavoro (maggio 1946 – marzo 1948) ha giudicato deferibili al Tribunale militare solo 29 inquisiti (su 168 accusati esaminati a cui vanno aggiunti il personale del campo di concentramento di Arbe, ufficiali, sottufficiali e truppa delle divisioni “Re” e “Zara”).

 In realtà al gennaio 1948 i criminali di guerra la cui consegna era richiesta al Governo italiano da paesi esteri erano 295, che devono essere aggiunti ai 1697 compresi nelle liste delle Commissioni Onu per i crimini di guerra.

 Quindi a fronte di 1992 casi segnalati dai paesi che avevano subito l’accupazione militare italiana e dagli Alleati, la Commissione ne valutò, in base ai documenti citati, 168 e non prese in considerazione le azioni svolte dai militari italiani in Africa (Libia, Eritrea, Etiopia e Somalia) dove vennero usate bombe a gas e venne praticata una durissima repressione, attraverso la deportazione in campi di concentramento, torture ed esecuzioni sommarie anche nei confronti dei civili.

Le conclusioni del Governo

Alla luce di quanto riportato e dei rivolgimenti politici avvenuti tra il 1947 ed il 1948, il processo contro i 29 deferiti al Tribunale militare non fu mai celebrato. Non solo per i noti motivi (la Guerra fredda, per cui si ripuliva il passato di nazisti e di fascisti per utilizzarli nella lotta al blocco sovietico), ma anche perché da parte degli alti generali italiani (per la maggior parte, i medesimi che comandavano l’esercito monarchico agli ordini del Comandante Supremo Mussolini) non vi era nessuna intenzione di condannare i propri colleghi, seppur responsabili di provati crimini efferati.

 Infatti l’istruttoria per almeno 26 deferiti dalla Commissione d’inchiesta venne completata entro il gennaio 1948, ma d’altro canto lo stesso Governo italiano era conscio della non opportunità di svolgere processi contro presunti criminali di guerra italiani contemporaneamente a quelli contro i presunti criminali tedeschi (che stavano iniziando in Italia nei primi mesi del 1948), proprio perché “le accuse che noi facciamo ai tedeschi sono analoghe a quelle che gli jugoslavi muovono contro imputati italiani”.

 Quindi, come scrisse il 20 agosto 1949 il Direttore Generale degli Affari politici del Ministero degli Affari Esteri, conte Vittorio Zoppi, all’ammiraglio Franco Zannoni, capo gabinetto del ministro della difesa, “la Commissione d’inchiesta che … non doveva dare l’impressione di scagionare ogni persona esaminata …selezionò un certo numero di ufficiali che furono rinviati a giudizio … Fu spiccato nei loro confronti mandato di cattura, ma fu dato loro il tempo di mettersi al coperto … ciò fu fatto con il preciso e unico intento di sottrarli alla consegna [agli jugoslavi ndr]… Ottenuto questo risultato e venuto meno le ragioni di politica estera … il Ministero degli Affari esteri considera la questione non più attuale”.

 L’epilogo.

 Le conclusioni della questione sono custodite gelosamente negli archivi del Ministero della difesa, ma si può presumere, alla luce dei documenti analizzati, che i mandati di cattura siano stati ritirati ed anche i militari rinviati a giudizio per crimini di guerra abbiano potuto poi concludere (per la maggior parte) la propria carriera nell’esercito dell’Italia democratica e antifascista.

Il Governo italiano, ex-ministri e gli alti quadri militari della neonata Repubblica italiana erano consci dei crimini operati dai militari italiani nel corso delle guerre coloniali e nel II conflitto mondiale e ne avevano le prove documentali.

Ma il Governo ha operato per evitare non solo di consegnare, ma anche di giudicare i presunti colpevoli delle stragi.

A questo scopo consapevolmente ha rinunciato al diritto/dovere di richiedere la consegna e di perseguire i militari tedeschi accusati di strage in Italia.

Infatti richiedere la consegna di numerosi presunti criminali tedeschi per processarli in Italia, avrebbe voluto ammettere il principio e quindi non potersi rifiutare di consegnare i propri presunti criminali di guerra ad altri paesi richiedenti.

Lo afferma l’ambasciatore italiano a Mosca, Pietro Quaroni, con la piena condivisione dei dirigenti del ministero stesso, in una lettera al Ministero degli Affari Esteri il 7 gennaio 1946: “… Il giorno in cui il primo criminale tedesco ci fosse consegnato, questo solleverebbe un coro di proteste da parte di tutti quei paesi che sostengono di aver diritto alla consegna di criminali italiani”.

 Quindi la giustizia sta ancora aspettando, non solo per le vittime delle stragi tedesche, ma anche per tutti gli innocenti trucidati o mandati a morire da quei generali italiani primi protagonisti dell’aggressiva vocazione colonialista dello stato italiano.

La mancata estradizione e l’impunità dei presunti criminali di guerra italiani accusati per stragi in Africa e in Europa

Da documenti ritrovati al Ministero del Foreign Office si evince che i governi inglese e americano adottarono una politica di copertura nei confronti dei criminali di guerra italiani, per motivi di opportunità politica.

Nella Dichiarazione di Mosca del 1943, gli alleati si impegnavano a perseguire i criminali di guerra nel paese dove i crimini erano stati commessi. Le Nazioni Unite istituirono una Commissione di inchiesta con il compito di creare una lista dei criminali di guerra per facilitare l’azione dei governi in tutto il mondo. In questa lista erano presenti tra altri Badoglio, Graziani, Roatta, Ambrosi.

Come sottolinea lo storico Michael Palumbo, sulla base di documenti trovati negli archivi di Washington, Londra e Roma, gli anglo-americani erano a conoscenza della efferatezza dei crimini italiani e, negli anni che seguirono l’armistizio, coprirono Badoglio e il suo gruppo perchè li ritenevano affidabili per il loro anticomunismo.

Nel settembre del 45, infatti, il tribunale speciale prese in esame il “caso Badoglio” e il Foreign Office, in un telegramma cifrato spedito all’ambasciatore inglese a Roma, fece pressioni perchè si intervenisse con Parri, allora Presidente del Consiglio dei ministri, per evitare o rimandare il processo: “Dovrebbe cercare di portare all’attenzione dell’onorevole Parri in maniera confidenziale e ufficiosa, il prezioso contributo che Badoglio ha fornito alla causa alleata, esprimere la speranza che questo contributo venga sottoposto alla attenzione della corte prima dell’udienza”.

Parri rinuncia e il “caso Badoglio” fu abbandonato.

Nel 1946 la Jugoslavia e l’Etiopia protestarono per la mancata estradizione dei criminali di guerra italiani.

Dall’ambasciata della repubblica popolare federale di Jugoslavia al governo militare alleato: “Per facilitare il compito delle autorità militari a una lista contenente dati relativi a 40 criminali di guerra italiani è allegata la richiesta da trasmettere alle autorità competenti ad autorizzare l’arresto e la consegna al governo jugoslavo dei criminali in questione. Non un solo criminale di guerra italiano è stato consegnato alle autorità giudiziarie jugoslave e questo nonostante ripetute assicurazioni dateci dal governo di sua Maestà”.

Il Ministero degli Esteri britannico sottolinea le sue preoccupazioni: “L’arresto di alcuni elementi che hanno occupato alte cariche nel ministero della guerra italiano, provocherebbe un imbarazzo politico. Queste persone hanno aiutato in maniera esemplare gli alleati. Arrestarli creerebbe uno shock tale nel governo italiano e nell’opinione pubblica, che ci procurerebbe molti problemi e causerebbe un grande scontento.”

DaL Rapporto del funzionario del Foreign Office competente per i crimini di guerra:

“La giustizia richiede di consegnare questi individui; motivi di convenienza spingono nella direzione opposta o almeno a non consegnare quelli che occupano posizioni più importanti”.

 Il 26 Aprile 1946 Lord Halifacs da Washington esprime il parere americano: “Il Dipartimento di Stato considera che la migliore tattica per entambi i governi sia tentare di guadagnare tempo”.

 J. Calvin del Foreign Office si disse d’accordo: “Questo mi sembrerebbe un caso in cui l’interesse di tutti sia di temporeggiare più a lungo possibile”.

 Viene comunicato alla Jugoslavia di aver bisogno di più tempo.

 Anche la diplomazia italiana concorda con questa linea, attuando resistenza passiva alle richiesta dei paesi esteri.

Il Presidente del Consiglio italiano De Gasperi informa l’ammiraglio E.W. Stone (capo della Commssione Alleata in Italia), che il Ministero della Guerra “sta provvedendo ad una severa inchiesta, il cui esito sarà appena possibile portato a conoscenza…” della stessa; nella risposta l’ammiraglio mostra interesse perchè questo gli consente di prendere tempo con il governo jugoslavo, che richiedeva insistentemente la consegna dei criminali di guerra italiani.

 Il 6 maggio 1946 il I governo De Gasperi istituisce una commissione d’inchiesta per i presunti criminali di guerra italiani, con l’obiettivo “di poter giudicare, con i propri normali organi giudiziari e secondo le proprie leggi, quelli che risultassero fondatamente accusati da altri stati.”

 L’11 settembre 1946 De Gasperi comunica a Stone che la Commissione sta per deferire ala giustizia penale militare quaranta inquisiti con l’accusa “di essere venuti meno, con gli ordini o nella esecuzione degli ordini stessi, ai principi del diritto internazionale di guerra e ai doveri dell’umanità, ed in modo particolare ai principi della inviolabilità degli ostaggi e alla limitazione del diritto di rappresaglia”.

 Il 21 ottobre 1946 Stone comunica alla Delegazione Jugoslava “di non aver competenza a richiedere al Governo Italiano la consegna dei criminali di guerra in quanto tale competenza spetta al paese interessato”.

 1947 Nuova richiesta della Jugoslavia che si appella nuovamente agli inglesi: “Nonostante i chiari obblighi internazionali il governo britannico e quello americano hanno dilazionato facendo uso di vari pretesti e ritardato la consegna dei criminali di guerra italiani; come risultato di questo atteggiamento non uno solo dei 700 criminali della lista delle Nazioni Unite sui crimini di guerra è stato consegnato alle autorità jugoslave. Permettere questo stato di cose sta preparando una situazione tale da minacciare lo sviluppo delle relazioni pacifiche in questa parte d’Europa”.

 Una settimana dopo l’ammiraglio Stone della Commissione di controllo del Foreign Office dichiara: “Dal momento che il governo militare alleato è stato smantellato, le richieste per la consegna degli italiani inseriti nella lista della commissione dei crimini di guerra, devono essere inoltrate direttamente al governo italiano”.

 Una scappatoia fu trovata dagli inglesi relativamente al fatto che gli alleati dovevano prendere in considerazione solo richieste provenienti da canali diplomatici. La Jugoslavia non aveva l’ambasciata in Italia e non poteva inoltrare richieste.

 Il principale interesse inglese era quello di processare italiani responsabili di crimini commessi contro soldati dell’esercito britannico.

 Un caso di questo genere è quello relativo al Generale Bellomo accusato di essere il responsabile della morte di un prigioniero di guerra britannico ucciso dalle guardie durante un tentativo di fuga. Bellomo fu l’unico italiano giustiziato dagli alleati, nonostante gravi irregolarità processuali sottolineate da S. Ray, un corrispondente di guerra inglese, che seguiva il processo per un giornale nazionale. Ray scriverà al deputato laburista Igor Thomas: “Sono estremamente turbato; respinto appello del Generale Bellomo contro sentenza di morte.

Ero presente a tutto il processo; non sono l’unico corrispondente britannico a pensare che il verdetto è contro il peso delle prove, che le capacità di accusa e difesa non erano eque, che un insufficiente peso è stato dato a chiare circostanze attenuanti e al buon carattere del Generale. Se colpevole, Bellomo è personaggio minore confronto a ex fascisti con i quali stiamo trattando. L’importante non è nostro prestigio ma diritto Bellomo di beneficiare di considerevoli dubbi che io credo esistano. Sarei grato se tu potessi fare qualcosa”.

 L’8 settembre 1945 arriva la risposta del Foreign Office alla richiesta di clemenza del parlamentare laburista I.Thomas.

“I verbali del processo sono stati attentamente studiati dal Foreign Office e mostrano come il procedimento sia stato effettuato in maniera normale e completamente giusta. Il generale Bellomo è stato condannato per aver commesso un omicidio particolarmente vigliacco per il quale non possiamo trovare circostanze attenuanti. Siamo sicuri che lei potrà condividere il fatto che l’effetto, sull’opinione pubblica del paese, di un perdono ingiustificato di un criminale di guerra, sarebbe altamente indesiderato.

Come sottolinea lo storico M. Palumbo: “La più grande ironia fu quella che gli inglesi giustiziarono l’unico generale antifascista nello stesso momento in cui stavano coprendo noti criminali di guerra italiani. Bellomo aveva infatti combattuto i tedeschi a Bari e per questo aveva ricevuto una medaglia d’argento al valor militare. Non piaceva a Badoglio perchè dimostrò a quegli italiani che erano scappati, come bisognava combattere i tedeschi”.

Bellomo aveva anche salvato la vita a un prigioniero inglese condannato a morte da alcuni gerarchi locali per aver ucciso due civili. In quella occasione sostenne che il prigioniero aveva agito per legittima difesa e quindi non si poteva parlare di crimine di guerra. Al generale Bellomo fu data l’opportunità di scappare ma rifiutò perchè sarebbe stato contrario al suo onore di militare .

 Nel 1947 continuano le pressioni iugoslave per la consegna dei criminali di guerra.

Il ministro italiano per gli affari esteri chiede a inglesi e americani tramite l’ambasciatore britannico a Roma che: “Al fine di diminuire le pressioni della Jugoslavia sull’Italia, in rispetto dell’articolo 45 del trattato di pace, il governo di Sua Maestà e quello degli Stati Uniti scoraggino ulteriori richieste per la consegna di criminali di guerra italiani, dichiarando di ritenersi soddisfatti di lasciare il processo e l’eventuale condanna di coloro che non sono ancora statiarrestati al sistema giudiziario italiano”.

 L’accordo venne raggiunto 6 settimane dopo e il governo americano accettò di lasciare il processo di colpevoli di crimini contro militari alleati nelle mani dei giudici italiani. Il governo inglese seguì l’esempio.

Gli alleati creavano così un precedente che rendeva impossibili ulteriori richieste iugoslave per oltre 800 criminali inclusi nelle liste delle Nazioni Unite.

 Come sottolinea Marian Mushkat, delegato polacco alla commissione Onu per i crimini di guerra (1946/48): “Gli alleati occidentali sfruttarono la loro posizione preminente in seno alla commissione per i crimini di guerra e respinsero la maggior parte delle richieste degli iugoslavi ignorando molti documenti preparati dagli iugoslavi principalmente perchè il governo di Belgrado era considerato alleato dell’Unione Sovietica.

 Un altro pretesto per respingere i dossier preparati dagli iugoslavi fu quello relativo alla loro mancata compilazione. Questo argomento si rivelò fittizio perchè i componenti iugoslavi della commissione per i crimini di guerra erano avvocati brillanti e esperti in diritto internazionale e i fascicoli da loro sottoposti erano ben preparati e documentati.”.

 Nella primavera 1948 si tenne ultima seduta della commissione delle Nazioni Unite per i crimini di guerra. La Commissione decise di esaminare solo 10 casi tra le centinaia preparati dagli etiopi rappresentati da uno svedese.

 IL primo caso da esaminare fu quello di Badoglio accusato di aver usato gas tossici e di aver bombardato ospedali della Croce Rossa durante la campagna di Etiopia.

Gli inglesi prendono le difese degli italiani.

 Robert Craige: “Quasi tutta la campagna di Etiopia è stata elaborata da Mussolini e Graziani. Ho seri dubbi sulle accuse rivolte a Badoglio anche per quanto riguarda l’uso di gas tossici. Nulla prova il coinvolgimento di Badoglio nella decisione di farne uso”.

 Risposta etiope : “A prescindere dal fatto che i superiori abbiano o meno ordinato di commettere crimini era loro responsabilità sorvegliare i propri sottoposti e prevenire che i crimini venissero commessi. Il generale giapponese Yamascito venne condannato in base a questo principio”.

 Norwai Rynning: “Sono quasi certo che Badoglio, come comandante in capo e responsabile della realizzazione della campagna, debba in qualche modo essere stato coinvolto nella decisione di usare gas tossici visto che si tratta di una decisione che deve essere stata presa ad alto livello”.

Craige: “Si ma riguardo al bombardamento degli ospedali e delle ambulanze della Croce Rossa risulta chiaro dal carteggio che vi sono alcuni dubbi sulla volontarietà dei bombardamenti”.

Norwai: “Questa non era la posizione del governo britannico nel 35-36 quando respinse qualsiasi argomento avanzato dal ministro degli esteri italiano per discolparsi del bombardamento di unità mediche inglesi in Etiopia”.

Il Governatore imperiale etiope: “Si è trattato della prima volta nella storia in cui la Croce Rossa è stata ripetutamente attaccata e questo avvenne quando Badoglio era il comandante in capo”.

Con gli etiopi spalleggiati da Norvegia e Cecoslovacchia il comitato decise di inserire Badoglio nella lista come criminale di guerra di grado A per l’uso di gas tossici e per gli attacchi agli ospedali della Croce Rossa.

 Il caso Graziani fu meno controverso e fu inserito con il grado A con 9 capi di imputazione.

Anche gli altri 7 capi fascisti furono inseriti nella lista (De Bono, Lessona, Pirzo Biroli, Geloso, Gallina, Tracchia, Cortesi).

 Gli etiopi organizzarono una loro commissione nazionale sui crimini di guerra.

Nel 1949 l’Italia respinse la richiesta etiope per l’estradizione di Graziani e Badoglio.

 Il 17 settembre l’ambasciatore etiope a Londra sottopose la questione al Foreign Office che considerò la richiesta inopportuna e consigliò di desistere.

Così nessun criminale fu mai estradato.

 P. Badoglio morì nel suo letto con un funerale di stato.

 R. Graziani fu processato da un tribunale militare e condannato il 2 Maggio 1950 a 19 anni di carcere, di cui 13 condonati, per la sua attività legata alla RSI. La pena da scontare di un anno e otto mesi fu ulteriormente ridotta a quattro mesi per la richiesta della difesa, subito accolta, di far iniziare la decorrenza della carcerazione preventiva al 1945. Pertanto, quattro mesi dopo la sentenza, il 29 agosto Graziani tornò in libertà lasciando l’ospedale militare dove aveva trascorso gran parte della durata del processo. Nel marzo 1953 divenne presidente onorario del MSI. Morì nel 1955 per collasso cardiaco.

 M. Roatta, responsabile di crimini in Jugoslavia, processato dall’Alta Corte di giustizia, la notte del 4 marzo 1945, nell’imminenza della sentenza, evase con l’aiuto dei servizi segreti e si recò in Spagna. Rimpatriò nel 1966. (cfr. Franzinelli, in Millenovecento, Gennaio 2003, pag. 102 e seg.).

C. Geloso e A. Pirzo-Biroli riconosciuti criminali di guerra per la politica repressiva attuata nelle regioni di cui erano governatori.

S. Gallina, generale, riconosciuto criminale per le violenze, i rastrellamenti, le uccisioni fatte dalle sue truppe.

G. Cortese, federale, considerato criminale per l’ondata di terrore scatenata ad Addis Abeba dopo l’attentato Graziani.

R. Tracchia considerato criminale per aver fatto fucilare i fratelli Cassa, dopo aver loro promesso salva la vita.

-Da F.Lrisservato.-post-gms.———–

G.M.S.

G.M.S. conosciuto dagli amici come Gianca-ex incursore di Marina, laureato in scienze politiche. Ha viaggiato molto in Africa francofona, Medio Oriente e Sud America, oggi in pensione, si occupa di tematiche escatologiche e sociali ma conserva l’amore per i viaggi e nuove conoscenze.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: