H.A.A.R.P.è un apparato per la distruzione di parte del mondo? (video)

0

haarp09g

L’utilizzo delle scie chimiche da parte dei governi è sempre stato oggetto di discussione, ma dopo la confessione di un pilota, che ha affermato di irrorare i cieli con scie chimiche, il governo non ha potuto più negare.

Per questo un consigliere distato USA ha confermato l’irrorazione dei cieli, le scie chimiche sono reali, e sono utilizzate dai geoingegneri del governo per la manipolazione del clima, e non solo.
Bario, ossido di alluminio, Torio, Quarzo, Potassio e Magnesio, tutte sostanze rilasciate nei nostri cieli e spacciate dai governi come semplici scie di condensa.

Il consigliere scientifico USA John Holdren ha pubblicamente ammesso che il governo americano da più di venti anni effettua l’irrorazione chimica dei cieli a favore della Geoingegneria, e della manipolazione climatica, anche in territorio Italiano,a titolo di sperimentazione come d’altra parte su altri Paesi, per verificare la creazione di tsunami-terremoti, o il risveglio di vulcani.

La scienza, la metereologia e i media di regime fanno passare queste irrorazioni come semplici scie di condensa, spiegazioni alquanto strane visto che quest’ultime si formano solo nel 2% dei casi e seguono determinate leggi fisiche, le quali si possono riassumere in tre principali condizioni principali.Quote superiori agli 8mila metri, umidità relativa non inferiore al 70% e temperature inferiori ai meno40 gradi celsius e sono di breve durata.

Le scie chimiche invece sono molto lunghe e molto persistenti a differenza delle scie di condensa, e permangono nell’aria per molte ore.

Spesso un aereo di passaggio lascia scie a intervalli, inconsueto fenomeno se si trattasse di vapore acqueo e non di scie chimiche, inoltre questi aerei non sono di linea anche se vi somigliano e non vengono rilevati dai radar data la quota a cui volano

Le analisi di terreno ed acqua, oggi, a causa delle scie chimiche, accertano la presenza di elevate concentrazioni di sostanze chimiche quali ad esempio Bario, ossido di alluminio, Torio, Quarzo, Potassio e Magnesio, tutte sostanze atte a coadiuvare il sistema HARPP  (una tecnologia in grado di produrre qualsiasi tipo di condizioni meteorologiche in qualsiasi parte del mondo). 

Temi che sono stati più volte etichettati come mere teorie, nonostante le numerose prove e confessioni, anche da parte di autorità sopra tutto di ambienti militari.

H.A.A.R.P.  Il sistema ha la capacità in connessione con lo Spacelab, di produrre energie elevatissime, paragonabili alla bomba atomica e può provocare distruzioni epocali e di massa in qualsiasi parte della Terra. Naturalmente il programma può modificare l’ambiente vibrazionale naturale e scatenare inondazioni, uragani e terremoti di qualsiasi entità.

Eppure esso sarà “ spacciato” al pubblico come un’arma di difesa, ossia lo “Scudo stellare” o addirittura di studio sull’Aurora Boreale.Ma pare una ben diversa realtà; Il piano antimissile costituito da laser orbitali “Joint Vision 2020” è estremamente pericoloso: il suo fine potrebbe essere il dominio degli U.S.A. su tutto il mondo.

Sono state osservate delle correlazioni tra l’attività sismica e la ionosfera di HAARP. I terremoti in cui la profondità è linearmente identica nella stessa faglia, sono provocati da una proiezione lineare di frequenze indotte. Dei satelliti coordinati fra loro consentono di generare delle proiezioni, concentrate, di frequenze in punti specifici (detti Seahorse).

Un diagramma potrebbe mostrare che i terremoti considerati artificiali si propagano linearmente alla stessa profondità. Alcune repliche sono state osservate a circa 10 chilometri di profondità. Quindi potrebbe essere proprio il caso del sisma che ha colpito ll’Italia, come ha registrato l’INGV.

La HAARP High Frequency Active Auroral Research Program è un’installazione civile e militare situata negli USA.L’istallazione si trova in Alaska, nei pressi di Gakona, a ovest del Parco Nazionale Wrangell-Santo Elias, in una ex base della United States Air Force.

Venne costruita nel 1993, ufficialmente a fini di ricerca scientifica sugli strati alti dell’atmosfera e della ionosfera, e sulle comunicazioni radio per uso militare.

04819_muos

 elab-gms

G.M.S.

G.M.S. conosciuto dagli amici come Gianca-ex incursore di Marina, laureato in scienze politiche. Ha viaggiato molto in Africa francofona, Medio Oriente e Sud America, oggi in pensione, si occupa di tematiche escatologiche e sociali ma conserva l’amore per i viaggi e nuove conoscenze.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: