G.D’Annunzio-Personaggi dimenticati-il Vate

0

 ********

Gabriele D’Annunzio come soleva firmarsi (Pescara, 12 marzo 1863 Gardone Riviera, 1º marzo 1938) è stato uno scrittore, militare e politico italiano, simbolo del Decadentismo ed eroe di guerra. Occupò una posizione preminente nella letteratura italiana dal 1889 al 1910 circa e nella vita politica dal 1914 al 1924. Sia in letteratura che in politi
ca lasciò il segno ed ebbe un influsso (più o meno diretto) sugli eventi che gli sarebbero succeduti.
Fu mentore di una epoca e definito il VATE, una guida sia politica che culturale che tanto operò per dare dignità al Paese, con imprese che parevano impossibili,in quell’epoca tormentata, esempio di italianita, genio ammirato sia per la sua estroversabilità politica e culturale, invidiato fu il suo modello di vita, si avvicino al fascismo pur senza approvarlo appieno, tanto da destare in più di una occasione le ire di Mussolini e del suo alleato Germanico,che pare nè ordino l’assasinio.
Gli anni di formazione
Gabriele d’Annunzio nacque a Pescara il 12 marzo 1863, figlio di Francesco Paolo Rapagnetta d’Annunzio e di Luisa de Benedictis. Nonostante la leggenda, all’anagrafe fu registrato col solo cognome d’Annunzio, che il padre aveva aggiunto, per adozione da parte dello zio materno Antonio (marito della zia Anna Lolli), nel 1851. Terzo di cinque fratelli, visse un’infanzia felice, distinguendosi per intelligenza e vivacità. Della madre erediterà la fine sensibilità, del padre il temperamento sanguigno, la passione per le donne e la disinvoltura nel contrarre debiti, cosa che portò la famiglia da una condizione agiata ad una difficile situazione economica. Non tardò a manifestare una personalità priva di complessi e inibizioni, portata al confronto competitivo con la realtà. Una testimonianza ne è la lettera che, ancora sedicenne (1879), scrive a Giosuè Carducci, il poeta più stimato nell’Italia umbertina, mentre frequenta il liceo al prestigioso istituto Cicognini di Prato. Nel 1879 il padre finanziò la pubblicazione della prima opera del giovane studente, Primo vere, una raccolta di poesie che ebbe presto successo. Accompagnato da un’entusiastica recensione critica sulla rivista romana Il Fanfulla della Domenica, il successo del libro venne aumentato dallo stesso D’Annunzio con un espediente: fece diffondere la falsa notizia della propria morte per una caduta da cavallo. La notizia ebbe l’effetto di richiamare l’attenzione del pubblico romano sul romantico studente abruzzese, facendone un personaggio molto discusso. Dopo aver concluso gli studi liceali presso il Real Ginnasio-Liceo “G.B.Vico” di Chieti, giunse a Roma nel 1881, con una notorietà che andava crescendo.
Il periodo romano
Gabriele D’AnnunzioI dieci anni trascorsi nella capitale (1881-1891) furono decisivi per la formazione dello stile comunicativo di D’Annunzio, e nel rapporto con il particolare ambiente culturale e mondano della città si formò quello che possiamo definire il nucleo centrale della sua visione del mondo. L’accoglienza nella città fu favorita dalla presenza in essa di un folto gruppo di scrittori, artisti, musicisti, giornalisti di origine abruzzese (Scarfoglio, Michetti, Tosti, Masciantonio, Barbella, ecc.) che fece parlare in seguito di una “Roma bizantina”.
La cultura provinciale e vitalistica di cui il gruppo si faceva portatore appariva al pubblico romano, chiuso in un ambiente ristretto e soffocante – ancora molto lontano dall’effervescenza intellettuale che animava le altre capitali europee -, una novità “barbarica” eccitante e trasgressiva; D’Annunzio seppe condensare perfettamente, con uno stile giornalistico esuberante, raffinato e virtuosistico, gli stimoli che questa opposizione “centro-periferia” “natura-cultura” offriva alle attese di lettori desiderosi di novità.
D’Annunzio si era dovuto adattare al lavoro giornalistico soprattutto per esigenze economiche, ma attratto alla frequentazione della Roma “bene” dal suo gusto per l’esibizione della bellezza e del lusso, nel 1883 sposò, con un matrimonio “di riparazione”, nella cappella di Palazzo Altemps a Roma, Maria Hardouin duchessa di Gallese, da cui ebbe tre figli (Mario, Gabriellino e Veniero). Tuttavia, le esperienze per lui decisive furono quelle trasfigurate negli eleganti e ricercati resoconti giornalistici. In questo rito di iniziazione letteraria egli mise rapidamente a fuoco i propri riferimenti culturali, nei quali si immedesimò fino a trasfondervi tutte le sue energie creative ed emotive.
Il primo grande successo letterario arrivò con la pubblicazione del suo primo romanzo, Il piacere nel 1889. Venne presto a crearsi un vero e proprio “pubblico dannunziano”, condizionato non tanto dai contenuti quanto dalla forma divistica, un vero e proprio star system ante litteram, che lo scrittore costruì attorno alla propria immagine. Egli inventò uno stile immaginoso e appariscente di vita da “grande divo”, con cui nutrì il bisogno di sogni, di misteri, di “vivere un’altra vita”, di oggetti e comportamenti-culto che stava connotando in Italia la nuova cultura di massa.
Tra il 1891 e il 1893 D’Annunzio visse a Napoli, dove compose il suo secondo romanzo, L’innocente, seguito da Il trionfo della morte e dalle liriche del Poema paradisiaco. Sempre di questo periodo è il suo primo approccio agli scritti di Nietzsche che vennero in buona parte fraintesi, sebbene ebbero l’effetto di liberare la produzione letteraria di D’Annunzio da certi residui moralistici ed etici. Tra il 1893 e il 1897 D’Annunzio intraprese un’esistenza più movimentata che lo condusse dapprima nella sua terra d’origine e poi ad un lungo viaggio in Grecia.
Nel 1897 volle provare l’esperienza politica, vivendo anch’essa, come tutto il resto, in un modo bizzarro e clamoroso: eletto deputato della destra, passò quasi subito nelle file della sinistra, giustificandosi con la celebre affermazione «vado verso la vita».
Il periodo fiorentino
Sempre nel 1897 iniziò una relazione con la celebre attrice Eleonora Duse, con la quale ebbe inizio la stagione centrale della sua vita. Per vivere accanto alla sua nuova compagna, D’Annunzio si trasferì a Firenze, nella zona di Settignano dove affittò la villa “La Capponcina”, trasformandola in un monumento del gusto estetico decadente. È in questo periodo che si situa gran parte della drammaturgia dannunziana che è piuttosto innovativa rispetto ai canoni del dramma borghese o del teatro dominanti in Italia e che non di rado ha come punto di riferimento la figura attoriale della Duse.
L’esilio in Francia
L’idillio con la Duse si incrinò nel 1904, dopo la pubblicazione de Il fuoco. Nel 1910 D’Annunzio fuggì in Francia: già da tempo aveva accumulato una serie di debiti e l’unico modo per evitare i creditori era oramai diventato la fuga dall’Italia. L’arredamento della villa fu messo all’asta e D’Annunzio per cinque anni non rientrò in Italia.
A Parigi era un personaggio noto, era stato tradotto da Georges Hérelle e il dibattito tra decadenti e naturalisti aveva a suo tempo suscitato un grosso interesse già con Huysmans. Ciò gli permise di mantenere inalterato il suo dissipato stile di vita fatto di debiti e frequentazioni mondane. Pur lontano dall’Italia collaborò al dibattito politico prebellico, pubblicando versi in celebrazione della guerra di Libia o editoriali per diversi giornali nazionali (in particolare per il Corriere) che a loro volta gli concedevano altri prestiti.
Nel 1910 Corradini aveva organizzato il progetto dell’Associazione Nazionalista Italiana, al quale D’Annunzio aderì inneggiando a una nazione dominata dalla volontà di potenza e opponendosi all’ «Italietta meschina e pacifista».
Dopo il periodo parigino si ritirò ad Arcachon, sulla costa Atlantica, dove si dedicò all’attività letteraria in collaborazione con musicisti di successo (Mascagni, Débussy,…), compose libretti d’opera, soggetti per film (Cabiria).
L’arruolamento nel 1915
Nel 1915 ritornò in Italia, dove rifiutò la cattedra di letteratura italiana che era stata di Pascoli; condusse da subito una intensa propaganda interventista. Il discorso celebrativo che D’Annunzio pronunciò a Quarto (4 maggio 1915) suscitò entusiastiche manifestazioni interventiste. Con l’entrata in Guerra dell’Italia, il 24 maggio 1915 (il cosiddetto “maggio radioso”), D’Annunzio si arruolò volontario e partecipò ad alcune azioni dimostrative navali ed aeree. Per un periodo risiedette in quel di Cervignano del Friuli perché così poteva essere vicino al Comando della III Armata, comandante della quale era Emanuele Filiberto di Savoia, Duca d’ Aosta, suo amico ed estimatore.
Nel gennaio del 1916, costretto a un atterraggio d’emergenza, subì una lesione all’altezza della tempia e dell’arcata sopraccigliare, urtando contro la mitragliatrice del suo aereo. Non curò la ferita per un mese e ciò portò alla perdita di un occhio. Visse così un periodo di convalescenza, durante il quale fu assistito dalla figlia Renata. Tuttavia, ben presto tornò in guerra. Contro i consigli dei medici, continuò a partecipare ad azioni belliche aeree e di terra. In quel periodo compose Notturno utilizzando delle sottili strisce di carta che gli permettevano di scrivere nella più completa oscurità, necessaria per la convalescenza dalla ferita che l’aveva temporaneamente accecato. L’opera venne pubblicata nel 1921 e contiene una serie di ricordi e di osservazioni.
Al volgere della guerra, D’Annunzio si fa portatore di un vasto malcontento, insistendo sul tema della “vittoria mutilata” e chiedendo, in sintonia con una serie di voci della società e della politica italiana, il rinnovamento della classe dirigente in Italia. La stessa onda di malcontento trovò ben presto un sostenitore in Benito Mussolini, che di qui al 1924 avrebbe portato all’ascesa del fascismo in Italia.
Il colpo di stato a Fiume Crisi fiumana:
Vittoria mutilata Impresa di Fiume Reggenza italiana del Carnaro Stato libero di Fiume Natale di sangue.
Nel 1919 organizzò un clamoroso colpo di mano paramilitare, guidando una spedizione di “legionari”, partiti da Ronchi di Monfalcone (ribattezzata, nel 1925, Ronchi dei Legionari in ricordo della storica impresa), all’occupazione della città di Fiume, che le potenze alleate vincitrici non avevano assegnato all’Italia. Con questo gesto D’Annunzio raggiunse l’apice del processo di edificazione del proprio mito personale e politico.
L’11 e 12 settembre 1919, la crisi di Fiume. La città, occupata dalle truppe alleate, aveva chiesto d’essere annessa all’Italia. D’Annunzio con una colonna di volontari occupò Fiume e vi instaurò il comando del “Quarnaro liberato”.
Il 12 novembre 1920 viene stipulato il trattato di Rapallo: Fiume diventa città libera, Zara passa all’Italia. Ma D’Annunzio non accettò l’accordo e il governo italiano, il 26 dicembre 1920, fece sgomberare i legionari con la forza.
Gli ultimi anni. L’esilio a Gardone Riviera
Disilluso dall’esperienza da attivista, si ritirò in un’esistenza solitaria nella sua villa di Gardone Riviera, divenuta poi il Vittoriale degli italiani. Qui lavorò e visse fino alla morte curando con gusto teatrale un mausoleo di ricordi e di simboli mitologici di cui la sua stessa persona costituiva il momento di attrazione centrale. L’ascendente regime fascista lo celebrò come uno dei massimi e più fecondi letterati d’Italia. Tuttavia i rapporti tra D’Annunzio e Mussolini furono sempre tiepidi e arrivarono persino a momenti di aperto scontro. Uno dei culmini dell’antipatia fra i due si ebbe con la marcia su Roma, che D’Annunzio non sostenne e dalla quale si distanziò. Morì nella sua villa il 1º marzo 1938 per un’emorragia cerebrale. Il regime fascista fece celebrare in suo onore i funerali di stato.
elaborato da g.m.s.

G.M.S.

G.M.S. conosciuto dagli amici come Gianca-ex incursore di Marina, laureato in scienze politiche. Ha viaggiato molto in Africa francofona, Medio Oriente e Sud America, oggi in pensione, si occupa di tematiche escatologiche e sociali ma conserva l’amore per i viaggi e nuove conoscenze.

Rispondi

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: