sul concetto di “Verità”

0

Non si può parlare di “verità assoluta” dicendo ch’essa è inesauribile. In che modo si può sostenere che esiste una  “la” verità assoluta” quando di questa verità non siamo in grado di dare alcuna definizione, alcuna determinazione definitiva? esendo la stessa verità una interpretazione soggettiva!?

Noi diciamo che con le nostre verità abbiamo l’ambizione di sottrarci al relativismo, di passare dal soggettivismo delle opinioni alla verità oggettiva dei fatti.

E per sostenere questo ci rifaciamo al mondo antico, ma non sempre la storia, diviene nel nostro attegiamento sostegno della nostra “verità” una verità stesa in quanto interpretazione soggettiva influenzata dal nostro sub-conscio o realtà attorniante.

Ma più di questo noi non potremmo né dovremmo dire, poiché il concetto di “verità assoluta”  non fa parte della storia degli uomini, è fonte di misticismo trascendete, l’uomo stesso nel suo complesso materiale e sensazionale (coscienza) asserisce una verità che gli propria,o più spesso conveniente, una convinzione assoluta, che può non corrispondere alla ” verità ” ma ad una esigenza del quotidiano

La “verità assoluta”, se esiste, ci sovrasta. Noi dovremmo semplicemente limitarci a dire che tutti i nostri sforzi devono essere volti a cercare una verità che compenetri o si contepli con i concetti di giustizia, uguaglianza, pace e amore….mah……

Se poi da questi sforzi si possa trarre una conclusione d’aver ottenuto una verità più oggettiva di altre, sarànno coloro che ci sono più vicino o la storia a deciderlo.

GMS

G.M.S.

G.M.S. conosciuto dagli amici come Gianca-ex incursore di Marina, laureato in scienze politiche. Ha viaggiato molto in Africa francofona, Medio Oriente e Sud America, oggi in pensione, si occupa di tematiche escatologiche e sociali ma conserva l’amore per i viaggi e nuove conoscenze.

Rispondi

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: