La magia-è una pratica esoterica?

0

 

la magia è una pratica esoterica?

piramideLa magia bianca è una pratica esoterica che, a differenza della magia nera, si propone di intervenire unicamente sui fenomeni della natura attraverso lo studio delle sue leggi, servendosi di ricerche, esperimenti, trasformazioni da un elemento in un altro. Mentre la magia nera mira ad accrescere il potere del mago tramite l’invocazione di forze soprannaturali e paranormali, che vadano oltre le leggi naturali imposte alla realtà, la magia bianca intende operare in armonia con esse, ritenendo che ogni organismo, fenomeno o evento abbia un suo posto nel disegno universale stabilito da Dio, in quanto partecipe di un’unica Anima del mondo (concezione tipica del neoplatonismo che si ritrova ad esempio in Marsilio Ficino).

Più precisamente, chi fa della magia nera cerca di sottomettere le entità del cosmo al proprio volere (sovvertendone le leggi), chi fa della magia bianca sottomette invece la propria volontà alle leggi del cosmo. Ciò significa che per operare in armonia con l’universo occorreva sviluppare un senso morale basato sull’obbedienza a Dio e sul rispetto della sua volontà.

E poiché si pensava che la volontà divina coincidesse con la razionalità oggettivata del mondo, la magia bianca si proponeva di preservarla, e anzi di favorire la sua naturale evoluzione. La magia bianca si inseriva così nell’ottica tipica dei pensatori rinascimentali, i quali ritenevano che tutta la creazione, corrottasi a causa del biblico peccato originale, tendesse a ritornare verso la perfezione originaria.

Come l’uomo tende verso la divinizzazione, così ogni elemento tende a ritornare verso la meta cui è stato assegnato (o entelechia), secondo la concezione aristotelica mescolatasi con quella platonica. Si cercava in un certo senso di risolvere la materia nello spirito; la magia bianca finì in tal modo per coincidere con l’alchimia, che si prefiggeva di costruire la pietra filosofale, al fine di trasmutare i metalli in oro, considerato la meta naturale di ogni elemento. L’oro era ricercato non a scopi di avidità o di possesso, ma per le sue proprietà intrinseche, essendo tra i metalli quello più incorruttibile (cioè più resistente al tempo), oltre ad essere un ottimo catalizzatore da usare nelle reazioni chimiche.

Gli interessi suscitati dalla magia bianca, rivolta esclusivamente allo studio della natura e al rispetto delle leggi in essa presenti, funsero così da apripista alla chimica moderna. L’opera dell’alchimista consisteva infatti essenzialmente nello studio empirico delle sostanze elementari e in esperimenti scientifici su di esse. Egli ne cercava le proprietà operando all’incirca come un chimico, catalogandole, tentando miscugli, introducendo nel suo lavoro fornelli ed alambicchi che saranno poi gli strumenti principali utilizzati dalla chimica come la intendiamo oggi.

Cosa è, e come si intende la magia oggi:

stregaConoscere, Osare, Volere e in silenzio stare queste sono le quattro qualità del Mago e della Strega.

Per osare dobbiamo conoscere, per volere dobbiamo osare. Dobbiamo avere volontà per praticare la Magia e, per regnare, dobbiamo stare in silenzio l’antica regola del silenzio

Conoscere perchè dobbiamo ripulirci dalle inutili nozioni figlie della superstizione che ci confondono la mente, per aprire la nostra mente e farci accettare i doni della vera conoscenza magica che vogliamo apprendere.

Non dobbiamo aver paura di guardare dentro noi stessi e mettere in discussione noi e ciò che noi oggi crediamo erroneamente come verità. Non si deve aver paura di cambiare pelle.

Procedere su questa strada significa mettere in opera anche gli insegnamenti degli antichi e saggi alchimisti che con la formula del vitriolum ci indicarono la via.

Bisogna studiare, sapere che cosa stiamo per fare, conoscere la materia Magica, altrimenti cio’ che facciamo sara’ inutile. Magia è sinonimo di conoscenza delle leggi che regolano la natura e l’universo per poterle modificare con la nostra volontà.

Non si può pensare di diventare maghi in poco tempo perchè la strada dell’apprendimento è lunga quanto la nostra permanenza su questo mondo. Per diventare maghi e streghe dobbiamo lavorare duramente, leggere e rileggere ancora, per educare quella parte nascosta che vive dentro di noi a riemergere di nuovo.

Osare perchè dobbiamo avere il coraggio di superare la nostra personale ignoranza e le idee obsolete. Solo allora acquisiremo la forza necessaria per percorrere il nostro cammino ed agire come si deve, sapendo che cosa si fa, come lo si fa, quando lo si fa e avendo un grande desiderio di farlo. Dobbiamo imparare ad osare sapendo che possiamo farlo.

Volere, perchè senza volontà la nostra magia è destinata a fallire.

Perchè i nostri sforzi abbiano successo, dobbiamo desiderare a tal punto un’ obbiettivo da diventare un tutt’uno con esso e, in fine, stare in silenzio. Dobbiamo acquisire quella qualità speciale che è la pace e la quiete interiore e coltivarla dentro di noi

Solo allora riusciremo ad udire la voce delle cose, della natura e la voce interiore; attraverso la meditazione e la visualizzazione.

Secondariamente si deve rimanere in silenzio per rispetto sia delle persone che non vogliono essere istruite (e non lo saranno mai) su questi argomenti, persone che non comprendono e che non troveranno mai la strada per la Magia, e sia per proteggere noi stessi da queste stesse persone che fraintenderebbero e di conseguenza ci recherebbero danno.

Ma restiamo in silenzio anche per difendere le antiche tradizioni della Magia che non devono essere divulgate o interamente o in parte a coloro che non hanno occhi per vedere.

Non ostentare ma con discrezione tacere.

magiaIl vero Mago e la vera Strega si confondono tra la gente, non portano vesti con i lustrini o cappelloni con le stelle o strani pendagli al collo. E nemmeno sbandierano ai 4 venti la loro natura.

Il vero Mago e la vera Strega non si devono riconoscere dall’aspetto esteriore ma caso mani dalla tranquilla aria di positività che si prova stando con essi.

La Magia è una, unica e indivisibile ed è nata con l’uomo. La forza generatrice della Magia risiede nella natura attorno a noi e nell’animo umano, nel suo spirito.L’uomo nasce con essa ma non tutti si rendono conto di possederla.

Coloro che sono consapevoli di possedere tale ricchezza la sfruttano, nel bene o nel male, a favore o contro gli altri esseri viventi o, il più delle volte, per agevolarsi il cammino in questa esistenza.

La Magia intesa come forza e potenza è quindi una sola ma l’uomo racchiude in se i duplici aspetti di bene e di male e quindi anche la Magia si concretizza sotto forma di pratiche che si identificano nelle diverse espressioni.

Si intende così definire Magia bianca la magia rivolta al bene; magia rossa, o Magia Sexualis, la Magia dei desideri, e infine si intende magia nera la magia negativa rivolta al male.

Tenete bene a mente questo postulato.

La magia è incolore e pura, solo ciò che spinge il mago ad agire può essere considerato un sentimento buono o cattivo. La magia no.

In tutti questi secoli uomini illustri ed illuminati hanno constatato che con il l’ausilio di determinati atti svolti in momenti particolari, seguendo il movimento dei pianeti ed utilizzando oggetti quali ad esempio candele di diverso colore, incensi, forme simboliche anche di scrittura ( a volte estese a veri e propri tracciati sul terreno per delimitare porzioni di spazio entro cui operare ) ecc.. ; hanno compreso che tutto questo facesse si che la forza Magica emessa durante un rituale venisse amplificata ed indirizzata facilmente verso lo scopo prefisso.

Un’operazione magica ha quindi bisogno, anche se non necessariamente, di simboli visivi e tattili che hanno essenzialmente lo scopo di incanalare la potenza per rendere “materiale” e “materializzato” un concetto altrimenti astratto come uno scopo da raggiungere.

L’ oggetto in se non ha quindi valenze prodigiose, se non minime,ed è sempre la forza che il Mago impiega durante il Rituale che permette di rendere efficace un’azione Magica.

Nella Magia il simbolismo è importante come lo è la similitudine.

Allo stesso modo si usa raffigurare con un “sembiante” la persona da colpire o proteggere perchè quello che avviene al “sembiante” avviene anche al soggetto in questione. Il “sembiante” lo si usa anche per eseguire un “giro” di Tarocchi il più delle volte quando la persona è assente e non può materialmente dividere il mazzo.

Persino gli uomini primitivi che vivevano nella preistoria usavano raffigurare sulle pareti delle loro caverne le scene familiari di caccia con loro come protagonisti nell’atto di uccidere una grossa preda.

Queste raffigurazioni non erano altro che rappresentazioni visive di un loro pensiero/desiderio e imprimerle nella roccia era come renderle materiali e quindi fattibili nella realtà.

” Ciò che sta in alto è come ciò che sta in basso, ciò che sta in basso è come ciò che sta in alto. “Ermete trismegisto

Questo è uno dei fondamenti della magia, e meglio una sua definizione.

libroLa vera Arte Magica è quella che lavora nell’oscurità, riservata e discreta, senza confondersi con l’esuberanza e l’ostentazione, due cose che non hanno assolutamente nulla a che vedere con l’argomento.

La Magia e’, prima di tutto una filosofia di vita che, aspetto comunque non secondario, può portare effetti “materiali” non trascurabili alla nostra esistenza oltre che, naturalmente, condurci verso un cammino di ricerca profonda e spirituale.

Essa necessita di riservatezza perchè non tutti sono in grado di operare o di comprendere, essendo essa una dottrina che contrasta ed è contrastata dal comune materialistico o religioso pensiero, e anche perchè essa stessa, per maturare e concretizzarsi, ha bisogno di vivere in un clima di silenzio e meditazione.

Generalmente essa viene svelata, nelle sue molteplici sfaccettature così complesse, a pochi adepti accuratamente prescelti oppure viene tramandata per generazioni dalle famiglie che da sempre la vivono in segreto.

bethelux.elab.g.m.s.

G.M.S.

G.M.S. conosciuto dagli amici come Gianca-ex incursore di Marina, laureato in scienze politiche. Ha viaggiato molto in Africa francofona, Medio Oriente e Sud America, oggi in pensione, si occupa di tematiche escatologiche e sociali ma conserva l’amore per i viaggi e nuove conoscenze.

Rispondi

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: