Ultime notizie

Altre notizie

0
Cultura

Democrazia
La bandiera va al paesaggio immondo, e il nostro gergo soffoca il tamburo.
“Nei centri alimenteremo la più cinica prostituzione. Massacreremo le rivolte logiche.
Ai paesi pepati e stemperati! – al servizio dei più mostruosi sfruttamenti industriali o militari.
Arrivederci qui, o non importa dove. Coscritti della buona volontà, avremo una filosofia feroce; ignoranti per la scienza, espertissimi per il benessere; crepi il mondo che va. E’ la vera marcia. Avanti, via!”.

More
0
Sociale

la presa per i fondelli….L’agenzia è indagata per aver gonfiato il merito creditizio di obbligazioni bancarie e ABS garantiti da mutui subprime prima dello scoppio della bolla immobiliare che travolse tutta la finanza mondiale. Per quel disastro per il quale anche molti risparmiatori italiani hanno versato lacrime e sangue dopo la bancarotta da 650 miliardi della Lehman Brothers,le banche USA, salvate dallo Stato, sono state multate per 56 miliardi di dollari (solo Bank of America pagò lo scorso anno 17 miliardi). Ma negli ambienti finanziari si dice che, nonostante ciò, le nache ci abbiano guadagnato comunque.

More
0
Politica

Al-Jazeera presta maggiore attenzione ai Paesi nordafricani. Una TV israeliana aveva individuato, prima del loro arresto, gli autori della strage di Charlie Hebdo quali franco-algerini(?). Vista da Pechino, l’Europa appare una penisola del continente asiatico. Alstom ha perso ogni possibilità di partecipare alla costruzione del TGV che collegherà Brest a Shanghai in 48 ore, dato che la Francia non sa onorare i propri contratti. Infine, non solo la crisi ucraina non ha distratto Russia dalla Siria, rimanendo fedele ai suoi impegni, ma al contrario contribuirà a rafforzare il governo di Damasco.

More
0
Politica

Qatar la nuova potenza mediorientale ? Grande come la Campania, il piccolo Qatar è sempre più potente. Amico degli islamici e degli Usa, il suo ruolo, il suo ruolo dalla Libia alla Siria è sempre più cruciale. Fra le nazioni più ricche del mondo grazie a gas e petrolio, gioca con il soft power garantito da al Jazeera, il principale canale televisivo della regione. E ora in Libia c’è chi accusa Doha di voler trasformare Tripoli in un proprio satellite. In Libia l’era Gheddafi è finita. In Siria Assad è rimasto isolato. In Palestina Hamas ha preso le distanze da Damasco e guarda altrove. In Yemen governo e opposizione stanno cercando faticosamente un accordo per smuovere il Paese dallo stallo. In Giordania i Fratelli Musulmani aspirano a rientrare nel gioco politico.

More