[30 ott 2008 | Nessun Commento | 7.729 Visite]
La grande guerra 1918 – Per ricordare e sapere

La guerra, la prima guerra Mondiale, era finita.
Qualcuno, in quei giorni di grande euforia, sordo alle lezioni della storia, scrisse che mai più vi sarebbero state guerre e stermini.
Grandi furono i discorsi di pace e fratellanza, grandi le speranze ma la realtà fu che il grande macello di milioni di giovani aveva distrutto intere generazioni di ragazzi chiamati alle armi. Purtroppo tanti sacrifici, pur lasciando un segno profondo e memorabile, non servirono quasi a nulla allora e purtroppo non sono servite da monito e da perenne invito ad aborrire le guerre neppure nei tempi successivi.

Leggi l'articolo completo »

Politica, Sociale »

[25 lug 2014 | Nessun Commento | 72 Visite]
Riflessione sulla guerra e le rivoluzioni-

….Ma l’impotenza in cui ci si trova a un certo punto, impotenza che non è mai da ritenere definitiva, non dispensa dal restare fedeli a se stessi, né giustifica la capitolazione davanti al nemico, indipendentemente dalla maschera che assume. E di qualunque nome esso si fregi: fascismo, nazismo, comunismo, Islamismo democrazia o dittatura, il nemico principale resta l’apparato amministrativo,burocratico e politico nonchè poliziesco e militare; non quello che ci fronteggia, e che è nostro nemico solo in quanto lo è dei nostri fratelli, ma quello che si dice nostro difensore e fa di noi i suoi schiavi….

Politica, Sociale, Storia »

[19 lug 2014 | Nessun Commento | 95 Visite]
Gaza-Palestina e diritto umanitario internazionale…(video)

Quali diritti ha la potenza occupante ha in materia di proprietà e delle risorse naturali nei territori occupati?
proprietà privata La proprietà privata non può essere confiscata dall’occupante.
Il cibo e forniture mediche possono essere requisite ad uso esclusivo delle forze di occupazione e di amministrazione del personale stessi (cioè non a fini di esportazione al di fuori del territorio occupato non e per il beneficio di nessuno al di là del personale che occupano, solo se necessario per il bene della popolazione sotto occupazione stessa) e solo se sono state prese le esigenze della popolazione civile in considerazione (GC IV, art. 55).

Politica, Sociale »

[4 lug 2014 | Nessun Commento | 175 Visite]
Iraq-terrore e morte-per la religione o il petrolio???

Come in Siria nel 2012-2013, la scacchiera è ancora una volta impostato, con un conflitto mediorientale regionale, questa volta in Iraq, una volta un fantoccio degli USA, ma ora essendo l’ Iraq divenuta antitetica dell’Arabia Saudita, quindi degli Stati Uniti, Obama ha dovuto rifiutare l’aiuto richiesto dal governo Iracheno,mentre la richiesta rivolta a Putin ha trovato immediato supporto, questo fa si che si sia creato un ulteriore problema un ennesimo pretesto degenerante il sotterraneo conflitto Russia e Stati Uniti. Una cosa è certa: quanto più gli Stati Uniti (e l’Arabia Saudita e Qatar) spinge per l’estromissione di Al Maliki, la Russia diventerà con le sue offerte di sostegno e di cooperazione bilaterale, sempre più forte nell’area. Possiamo asserire che è un ulteriore scacco per gli USA sul tipo di quello subito in Siria.

Sociale »

[30 giu 2014 | Nessun Commento | 173 Visite]
Chi sono i Boko Haram…(video)

Il gruppo viene fondato da Ustaz Mohammed Yusuf nel 2002 nella città di Maiduguri con l’idea di instaurare la shari’a nella regione del Borno, con l’ex governatore Ali Modu Sheriff (dimesso dal presidente nigeriano con l’accusa di corruzione), Yusuf fonda un complesso religioso che comprende una moschea ed una scuola, dove le famiglie povere della regione possano iscrivere i propri figli.Prima che il gruppo divenisse noto internazionalmente dopo le violenze religiose in Nigeria del 2009, Boko Haram non aveva una struttura organizzativa precisa o una catena di comando chiara inoltre è ancora argomento di discussione se Boko Haram sia collegato al terrorismo straniero di matrice “Sunnita” nonostante frequentemente compia atti terroristici nel Paese e contro il governo centrale.

Sociale, Storia »

[29 giu 2014 | Nessun Commento | 139 Visite]
Riflessioni sulla divinità

A partire dal 10.000 a.c. la storia è piena di graffiti o scritture che rappresentano il rispetto e l’adorazione verso il Sole. Per gli antichi il Sole doveva sembrare la prova tangibile dell’esistenza di una divinità, anzi il Sole doveva sembrare una divinità stessa, posta in lontananza, che guardava gli uomini dall’alto, non poteva essere guardato direttamente ed era visibilmente qualcosa di superiore e potente. Ogni giorno il Sole sorge, porta luce e calore salvando l’uomo dal freddo, dall’oscurità e dai predatori notturni nel buio della notte, regalando cioè la vita.

Cultura, Sociale »

[25 giu 2014 | Nessun Commento | 190 Visite]
Gurdjieff- tra danza e tradizioni religiose…

L’insegnamento di Gurdjieff sfugge a ogni tentativo di ricostruzione: mette insieme spiritualità, filosofia, cosmologia e un modello complesso della persona umana legandoli in un sistema unificato. Il “Lavoro” di Gurdjieff è rivolto all’evoluzione personale, alla trasformazione sociale, e ultimāmente a una trasformazione su scala cosmica…

Storia »

[17 giu 2014 | Nessun Commento | 1.966 Visite]
una storia-che pochi…..sanno ma che dovrebbero……

L’ amiraglio Pecori Giraldi, quale Capo di Stato Maggiore in forza presso il Comando della marina germanica e Comandante Superiore delle Forze Navali italiane. nel 1962 in Germania, costitui un gruppo speciale di osservatori con compiti di infiltrazione nelle varie organizzazioni eversive, questo gruppo composto da specialisti della marina Italiana e Germanica, da effettivi posti fuori ruolo o posti in congedo e riservatamente richiamati, agenti operanti al di fuori delle direttive ministeriali, una specie di piccola SIOS risservata, posta alle sue dirette dipendenze, il ragruppamento con le riforme del 1977 fu praticamente sciolto….

Politica, Temi giuridici »

[11 giu 2014 | Nessun Commento | 2.771 Visite]
Una storia che oggi vale la pena rileggere….

E’ Il Foglio di Giuliano Ferrara a lanciare il sasso nello stagno. “Oggi – annunciava il quotidiano milanese – sono in molti a credere che la libera muratoria stia per uscire dai tempi bui e infangati a cui era stata condannata dalle vicende della loggia P2 di Licio Gelli… ed è facile per chi attende o teme la rinascita della massoneria snocciolare i nomi di questa casta di tecnocrati, o se si vuole, servitori dello Stato, che si fa avanti sulla scena politica, a riprova del suo rinnovato elan”.

Un rinnovato impeto che non meraviglia lo storico della massoneria italiana, Aldo Alessandro Mola (“La loggia è l’ alternativa operativa alle chiese o ai partiti per svolgere un servizio nell’ interesse dello Stato”) e preoccupa – meglio, indispettisce – Lucio Colletti. Che avverte: “E’ in corso un’ operazione di sostituzione della politica, in cui una serie di oligarchie e di interessi corporati e protetti, che prima erano coperti dalla grande cupola dc, vengono in primo piano cercando di darsi una rapprsentanza politica e aggregando tutto.

Sociale, Storia »

[8 giu 2014 | Nessun Commento | 301 Visite]
Nazisti e massoneria

Quando i nazisti salirono al potere , politica nei confronti dei massoni era equivoca. Gli sforzi per eliminare il Massone non hanno ricevuto la massima priorità. Quelle logge che adottavano tolleranza e uguaglianza e avevano collegamenti internazionali o connessioni attraverso i loro capi ai socialdemocratici o liberal-democratici sono stati oggetto di persecuzioni e spesso pressioni in dissoluzione “volontaria”. A pochi logge tedesche conservatori che erano disposti ad accogliere se stessi al regime sono stati in grado di continuare una qualche forma di esistenza solo per un po ‘di più. Tuttavia, il regime intendeva escludere quelli che si rifiutavano di abbandonare le loro connessioni massoniche.